Home Autore
Autore

Monica Bellin

un vassoio di argento visto dall'alto con sopra una torta rotonda di cacao e pere, a lato una fetta tagliata e una teiera bianca

Oggi portiamo in tavola una torta rovesciata con pere e cacao, aromatizzata al rum. Soffice e profumata, realizzata con la farina di riso, la farina di grano saraceno e la fecola di patate.

Vi confesso che non amo molto mangiare le pere al naturale ma cotte e soprattutto abbinate al cacao, sono una vera tentazione per me.

Ho usato le pere coscia perché sono piccole e si possono tranquillamente inserire nella torta con la loro buccia tenerissima e profumatissima. Le pere coscia inoltre sono perfette in questo periodo di fine estate perché sono un frutto che compare proprio nella stagione estiva.

La rovesciata con pere e cacao è un dolce semplice, adatto a colazione o merenda con un sapore rustico grazie alla farina di grano saraceno.

Se desiderate un sapore più dolce vi consiglio di sostituire la quantità di farina al grano saraceno con quella di castagne.

La rovesciata di pere e cacao diventa un dessert perfetto se accompagnato da crema pasticcera.

Provate la ricetta e fatemi sapere.

Seguitemi anche nella pagina instagram.

Vi piacciono le pere? Provate anche altre ricette nel blog, come ad esempio:

“biscotti pere e cacao”

“miniplumcake alle pere”

“torta di pere e grano saraceno”

“muffin pere e cacao”

un vassoio di argento visto dall'alto con sopra una torta rotonda di cacao e pere, a lato una fetta tagliata e una teiera bianca

torta rovesciata con pere e cacao

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 3 uova
  • 150 g zucchero semolato più due cucchiai per la base della tortiera
  • 150 g latte (vaccino ma anche una bevanda vegetale)
  • 70 g burro sciolto
  • 200 g farina di riso
  • 50 g farina di grano saraceno
  • 50 g fecola di patate
  • 1 bustina di lievito per dolci senza glutine
  • 2 cucchiai abbondanti di cacao amaro in polvere
  • 1, 2 cucchiai di rum
  • 8 , 9 piccole pere coscia

Procedimento

Preriscaldate il forno a 180 gradi modalità ventilata.

In una ciotola capiente montate bene con le fruste le uova con lo zucchero e il burro.

Potete realizzare l’impasto anche con la planetaria. Aggiungete il latte al composto continuando a mescolare e aromatizzate con un cucchiaio di rum. Ora setacciate le farine, il cacao e il lievito.

Foderate uno stampo da 24 cm con carta forno e cospargete la base con 3 cucchiai di zucchero semolato.

Lavate e tagliate a metà le pere coscia, togliendo la parte centrale con i semini. Disponete le pere rovesciate formando un fiore con la parte della buccia verso l'alto. Versate sopra il composto e livellate con una spatola.

Infornate a 180 gradi per circa 40 minuti ma fate la prova stecchino dopo i 30 minuti per controllare la cottura.

Vi raccomando come sempre questa fase perché ogni forno ha tempi diversi. A cottura ultimata lasciate raffreddare e rovesciate la tortiera su un piatto da portata.  Togliete delicatamente la cerniera e poi la carta forno.

Gustatevi la rovesciata alle pere con un buon caffè. Potete aggiungere all’impasto anche delle gocce di cioccolato fondente, oppure, per un dessert ancora più sfizioso, servite la vostra torta rovesciata accompagnata da una calda crema pasticcera.

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
muffin alle mele visti dall'alto con mele e fogli di libri sparsi

I muffin alle mele con farina di riso sono un’idea soffice e veloce da preparare come fine pasto ma anche da portare in trasferta.

E’ ricominciata la scuola e la routine, con le corse, gli incastri di orari, le programmazioni, zaini pieni di libri… e ho pensato di darvi qualche suggerimento per alcune merende glutenfree. Questa è perfetta perché si prepara con pochi ingredienti e bastano solo 20 minuti di forno.

I miei muffin con farina di riso sono alle mele, aromatizzati al limone e cannella ma potete optare per un’aggiunta di gocce al cioccolato per una versione più golosa. Con questa ricetta otterrete circa 10 muffin.

La farina di riso, delicata e neutra, abbinata all’amido di mais renderà i vostri dolcetti morbidi per più giorni.

In alternativa potete sostituire l’amido con della fecola di patate o farina di tapioca.

La farina di riso tende a seccare il prodotto finale ecco perchè si consiglia sempre di miscelarla con la fecola di patate o altro amido per una resa migliore.

LA FARINA DI RISO: ha un sapore delicato ed è molto leggera. È molto ricca di amidi e povera invece di proteine, fornisce al nostro organismo le vitamine del gruppo B e anche vitamina E.

Utilizzo: idonea per infarinare, addensare salse o creme, preparare la pastella per frittura. Può essere usata da sola oppure miscelata ad altre farine naturalmente senza glutine per realizzare impasti soffici come torte, preparazioni salate, crepes, frittelle, besciamella, biscotti, gnocchi, crackers…

Consiglio: ottima anche come addensante per le zuppe o per le salse oltre che per mantecare il risotto evitando di utilizzare il burro. In questo caso ne occorrono circa 20 grammi da sciogliere in poca acqua calda prima di aggiungerla a fine cottura mescolando in maniera veloce per ottenere una deliziosa cremina.

La farina di riso si trova facilmente in tutti i tipi di supermercati, vi consiglio comunque di acquistarla da agricoltura biologica e integrale presso negozi specializzati.

Consiglio: se vi avanzano dei muffin, conservateli nella campana di vetro o in un contenitore ermetico.

Seguitemi nei social, nella mia pagina Instagram dove sono più attiva e grazie a chi lascerà un messaggio anche qui nel blog.

Se vi piacciono le idee con la farina riso, ne troverete davvero tante nelle varie sezioni del blog.

Se amate le mele, vi consiglio anche di provare:

“torta di mele senza burro”

“plumcake rovesciato alle mele”

“torta di mele con farina di miglio”

“torta di mele e more “

“torta di mele e crema”

“sfoglia di mele e crema”

muffin alle mele visti dall'alto con mele e fogli di libri sparsi

muffin alle mele con farina di riso

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 2 uova
  • 120 g burro
  • 120 g zucchero
  • 100 g farina di riso
  • 20 g amido di mais
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • Succo di un limone
  • Cannella in polvere q.b.
  • 2 mela

Procedimento

Preriscaldate il forno a 180 gradi.

In una ciotola lavorate 2 uova con zucchero e burro morbido.

Unite le polveri setacciate e mescolate velocemente per evitare la formazione di grumi.

Potete unire una spolverata di cannella in polvere per aromatizzare il composto.

Versate l’impasto nei pirottini, riempiendoli fino a metà.

Tagliate la mela a fettine sottili e irrorate con del succo di limone.

Infilate le fettine nei pirottini e infornate a 180 gradi cuocendo per circa 20 minuti, fino a doratura.

Una volta pronti spolverate con zucchero a velo e servite tiepidi o freddi. Ottimi se accompagnati da crema e perfetti da portare in trasferta come merenda

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
una crostata vista dall'alto con fichi

La sbriciolata leggera ai fichi è una ricetta davvero sfiziosa e perfetta per questo periodo. E’ la proposta realizzata nel reel nella mia pagina Instagram, di questa mattina in collaborazione con Mulino Marello, un’azienda che produce esclusivamente farine naturali in purezza senza glutine e macinate a pietra. Pensate che anche le miscele specifiche per dolci ,frolle, paste o panificati, sono senza addensanti e zuccheri aggiunti: davvero una rarità nel mondo glutenfree dove i mix industriali sono saturi di questi componenti poco salutari.

Nella mia cucina, lo sapete bene, prediligo ricette con pochi ingredienti e più naturali possibili. Come questa crostata semplice, leggera, senza burro e senza glutine. Una frolla veloce, senza bisogno di riposo, che crea una base perfetta per accogliere una farcia cremosa di fichi e che diventa un ottimo crumble da distribuire in superficie con delle scaglie di mandorle.

Vediamo come prepararla insieme e se amate le ricette con i fichi, non perdetevi le altre ricette nel blog :

“muffin ai fichi”

“sbriciolata di fichi e ricotta”

“torta di fichi”

e anche un’idea salata come per esempio :

“torta salata prosciutto e fichi”

Vi aspetto nella mia pagina Instagram @monica_bellin_  Monica creazioni senza glutine.

 

Non scordatevi di lasciarmi un commento.

Monica

 

 

una crostata vista dall'alto con fichi

sbriciolata semplice ai fichi

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • Ingredienti per una teglia da 22 cm:
  • 1 uovo e 1 tuorlo
  • 100 g zucchero semolato
  • 80 g olio di semi
  • 250 g farina per crostate e biscotti Mulino Marello
  • Per la farcia:
  • 200 g di confettura di fichi
  • Fichi da tagliare a rondelle

Procedimento

Preriscaldate il forno a 180 gradi in modalità ventilata.

In una ciotola preparate la frolla lavorando prima con una forchetta e poi a mano, uova, zucchero, olio e la farina.

Foderate con carta forno uno stampo di 22 cm.

Stendete a mano ¾ della pasta frolla, prelevando un po’ di impasto alla volta e unendo i pezzetti sul fondo.

Spalmate la confettura e poi posizionate i fichi sopra tagliandoli a rondelle.

Coprite la farcia con la restante frolla sbriciolata e ultimate con delle mandorle a scaglie.

Mettete in forno a 180 gradi per circa 30 minuti, fino a quando vedrete la superficie dorare.

Togliete la torta dallo stampo solo da fredda. Spolverate con zucchero a velo prima di servire.

 

Consiglio:

nella stagione calda conservate questa torta in frigorifero.

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
una tazza di the vista dall'alto, con un libro aperto, delle rode e due piattini con due fette di torta e uva nera

La torta all’uva o torta Bertolina è tipica di questo periodo. Si realizza a fine estate, inizio autunno, quando è pronta l’uva dolce.

Alcuni giorni fa ho pubblicato un reel nelle mie pagine social, con la video ricetta di questo dolce ma in versione senza glutine con l’uva nera dei nonni e le mie amate farine naturali. Mi gusto queste ultime 2 fettine con una tisana, raccontandovi anche una curiosità che fin da bambina mi affascina molto. A volte vorrei riavvolgere il tempo per ascoltare nuovamente conoscenze e spiegazioni di vita con la voce dei miei nonni…

C’è un’antica tradizione che si tramanda nelle famiglie di agricoltori da tanto tempo, dai primi del 1800.

Camminando tra i vigneti vi sarà sicuramente capitato di vedere delle rose in testa ai filari. Esse non sono lì per abbellire il paesaggio ma sono delle piante spia. Con la loro delicatezza fungono da vere e proprie sentinelle mostrando la salute del vigneto. La rosa, infatti, manifesta sulle proprie foglie prima della vite l’eventuale attacco da parte di parassiti e permette ai viticoltori di intervenire in tempo.

Conoscevate questa tradizione? … Ne avete di particolari da raccontare?

Io vi consiglio di provare la torta Bertolina, bastano davvero pochissimi ingredienti, una ciotola, una frusta a mano e in poco tempo potete preparare un dolce perfetto per questa stagione.

Consigli:

  • se cambiate le farine, regolatevi con la quantità del latte in modo che il composto sia cremoso prima essere versato nello stampo.
  • Io raccomando sempre di conservare le porzioni restanti di torte alla frutta in frigorifero quando le temperature sono ancora alte.
  • Si può realizzare questa torta anche con l’uva bianca purché sia dolce e amabile da mangiare.
  • Potete aromatizzare l’impasto con della scorza di agrumi o i semi di una bacca di vaniglia.
  • L’impasto si può preparare anche con la planetaria o il frullatore, amalgamando gli ingredienti ad esclusione ovviamente dell’uva
  • Se siete celiaci verificate l’idoneità delle polveri, compreso il lievito per dolci che deve riportare la spiga o la dicitura senza glutine.

Fatemi sapere se vi è piaciuta questa ricetta e seguitemi nella pagina Instagram o in facebook 

Monica

Se amate le ricette della tradizione come questa, provate anche: 

pan di pesche

“torta di pane

“torta di mele e more”

una tazza di the vista dall'alto, con un libro aperto, delle rode e due piattini con due fette di torta e uva nera

torta all'uva

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 2 voted )

Ingredienti

  • 1 uovo
  • 130 g zucchero semolato o di canna
  • 200 g latte
  • 90 g burro morbido
  • 100 g farina di riso
  • 100 g farina di grano saraceno
  • 30 g fecola di patate
  • 1 bustina di lievito per dolci

Procedimento

Il procedimento è semplice e veloce: bastano una ciotola e una frusta a mano.

Preriscaldate il forno a 180°C. Nella ciotola sbattete per bene l’uovo con lo zucchero, unite il burro morbido, il latte e se desiderate della buccia grattugiata di limone. Setacciate le farine con il lievito ed il gioco è fatto. Il composto deve risultare cremoso. Foderate uno stampo da 24 cm, oppure una teglia quadrata come ho fatto io, con carta da forno bagnata e strizzata. Pulite, lavate e asciugate l’uva fragola o l’uva dolce che avete scelto (meglio se senza semi). Versate metà impasto nello stampo, poi metà dei chicchi d’uva, il restante composto e terminate con un ultimo strato di chicchi. Infornate nel forno caldo e lasciate cuocere la vostra Torta Bertolina per circa 35, 40 minuti.

Vi raccomando di fare sempre la prova stecchino per verificare la cottura.

 

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
tortine su un tagliere in marmo, con mirtilli e sullo sfondo una tazza

Le tortine al limone e mirtilli con farina di mandorle sono piccoli dolcetti da forno profumate e soffici.

Sono realizzate con la farina di mandorle e arricchite da tanti saporiti mirtilli.

Questa è una delle tante ricette realizzate in collaborazione con l’azienda Sant’Orsola, che racchiude natura, tecnica e passione nella coltivazione di piccoli frutti.

I mirtilli sono sfiziosi, dolci, una vera gioia per occhi e palato: perfetti per ogni preparazione.

Queste tortine sono ottime servite a colazione con una semplice spolverata di zucchero a velo oppure come dessert con una deliziosa coulis ai mirtilli. Le dosi indicate sono per realizzare 12 tortine.

Se vi piacciono questi piccoli frutti provate anche altre ricette nel blog:

muffin vegani ai mirtilli”

“crostata morbida con salsa ai mirtilli”

“rotolo con crema allo yogurt greco e mirtilli”

miniplumcake con mirtilli”

“plumcake ai mirtilli”

Lasciate un commento qui sotto e vi aspetto nella mia pagina Instagram.

tortine su un tagliere in marmo, con mirtilli e sullo sfondo una tazza

tortine al limone e mirtilli con farina di mandorle

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 80 g zucchero di canna
  • 80 g burro
  • 2 uova
  • 100 g farina di mandorle
  • 50 g farina di riso
  • 50 g amido di mais
  • Succo di limone (50 g)
  • Buccia di limone biologico grattugiata
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 125 g mirtilli freschi

Procedimento

In una ciotola lavorate zucchero, uova e burro morbido.

Unite il succo di limone e la buccia grattugiata.

Aggiungete la farina di mandorle, la farina di riso, l’amido e il cucchiaino di lievito per dolci.

Unite i mirtilli mescolando delicatamente.

Versate l’impasto negli stampini (io ho usato dei pirottini di silicone ma vanno bene anche degli stampini di alluminio ben imburrati e infarinati).

Riempite gli stampini fino a metà. Con questa dose riuscirete a fare circa 12 muffin.

Mettete a cuocere nel forno già caldo a 180 gradi per circa 20, 25 minuti.

Lasciate raffreddare completamente prima di toglierli dagli stampini e rovesciarli a testa in giù.

Serviteli con una spolverata di zucchero a velo o in alternativa su un letto di coulis ai mirtilli.

 

Consiglio:

per realizzare la coulis ai mirtilli cuocete in una padella 200 g di mirtilli freschi, 50 g di zucchero e il succo di mezzo limone. Cuocere il tutto per una decina di minuti. A questo punto la salsa è pronta.

 

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
una torta vista dall'alto, delle pesche, fette di pane e una fetta di torta su un piatto

Il pan di pesche con il pane: sembra un gioco di parole ed invece in questa antica ricetta delle nonne, gli ingredienti principali sono proprio le PESCHE e il PANE.

Una preparazione nata un tempo per esigenza, per inventiva di usare quel che si aveva nella credenza e diventata ai giorni nostri una perfetta idea di riciclo. Una torta sofficissima senza burro, senza olio, senza farina, con solo 2 cucchiai di zucchero, tante pesche e del pane in cassetta. Io ho usato le pesche un po’ ammaccate prese dal contadino e il pane bauletto di @ingleseglutenfree ottimo nei tre gusti bianco, integrale o all’avena.  (mi piacerebbe sapere il vostro preferito!).

Una preparazione antica che diventa un dessert perfetto per l’estate ma anche versatile in ogni stagione modificando la frutta che avete a disposizione.

Ringrazio l’azienda Inglese gluten free con la quale collaboro da più di due anni. Un punto di riferimento per prodotti senza glutine di qualità.

La mia vita da celiaca mi ha dato la possibilità di confrontarmi con tante realtà diverse e molto spesso con prodotti confezionati scadenti e deludenti.

Non sempre si ha la possibilità di realizzare preparazioni a casa, come faccio io, quindi è fondamentale trovare in commercio aziende che offrano scelta e qualità.

Io amo le ricette del riciclo e questa è un’ottima soluzione per usare il pane in avanzo.

Provate la ricetta e fatemi sapere.

Se amate le pesche vi consiglio di provare anche :

strudel di pesche e mandorle

“pan di pesche”

“torta di ricotta e pesche”

una torta vista dall'alto, delle pesche, fette di pane e una fetta di torta su un piatto

pan di pesche con il pane

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 500 g di latte
  • 400 g di pesche tagliate a pezzetti
  • 2 uova
  • 300 g di pane bauletto o raffermo
  • 2 cucchiai abbondanti di zucchero di canna o semolato
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci (per i celiaci raccomando sempre sia presente la dicitura senza glutine o spiga barrata)

Procedimento

Spezzettate il pane raffermo e disponetelo in una ciotola capiente. A parte intiepidite il latte e poi versatelo sul pane.  Con l’aiuto di una forchetta o di un cucchiaio amalgamate bene il pane con il latte, in modo da formare un composto morbido.  Aggiungete le uova, lo zucchero, il cucchiaino di lievito e mescolate bene. Unite le pesche tagliate a cubetti e aromatizzate con della buccia grattugiata di limone biologico. Potete aggiungere anche un cucchiaio del vostro liquore preferito o una fialetta di aroma.

Foderate una tortiera da 22 /24 cm con carta forno bagnata e strizzata.

Potete usare anche una pirofila imburrata e leggermente spolverata con farina di mais o pan grattato.

Versate il composto e appiattendolo con il dorso di un cucchiaio. Cuocete a 180 gradi per circa 40/45 minuti fino ad ottenere una doratura omogenea.

Servite la vostra torta tiepida o fredda: sarà una colazione o merenda perfetta, sana e decisamente leggera.

Consiglio: si conserva in frigorifero per due, tre giorni.

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
ciambella vista dall'alto con ganache al cioccolato, ribes e a lato un vassoio con forchettine

Un risveglio semplice, profumato e soffice. Questo bund cake allo yogurt greco è perfetto per cominciare la giornata al meglio e senza sensi di colpa.

E’ una ciambella realizzata con farina di riso e fecola di patate, non ha burro nè olio ma tanto yogurt greco per rendere l’impasto morbido.

Il bund cake è una ciambella che si cuoce in questi caratteristici stampi eleganti.

Nella mia pagina instagram l’ho presentata nella versione più semplice, nuda, per una sana colazione. Trovate anche il video con la preparazione.

Qui ve la offro in maniera più elegante, con una cascata di ganache fondente, qualche ribes e fogliolina di erba luigia come decorazione.

Come sempre tutto molto semplice e realizzabile in poco tempo.

Se vi è piaciuta questa ricetta lasciate un commento e provate anche :

ciambella alla panna” “ciambella all’acqua” “ciambellone con farine naturali”  

“ciambella con farine senza glutine”

“torta di ricotta e farina di riso”

 

ciambella vista dall'alto con ganache al cioccolato, ribes e a lato un vassoio con forchettine

bund cake allo yogurt greco

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 2 uova
  • 150 g zucchero semolato o di canna
  • 300 g yogurt greco
  • 200 g farina di riso bianca o integrale
  • 50 g fecola di patate
  • 1 bustina di lievito per dolci ( in caso di celiachia controllate ci sia la dicitura senza glutine)
  • aroma: 1 bicchierino di liquore Alchermes

Procedimento

Preriscaldate il forno a 180 gradi, modalità ventilata. In una ciotola montate le uova con lo zucchero, con le fruste elettriche. Unite lo yogurt greco e l'aroma scelto, io ho versato un bicchierino di liquore Alchermes. Setacciate la farina di riso con la fecola e il lievito. Mescolate per qualche minuto, in modo da amalgamare bene gli ingredienti ed evitare la formazione di grumi. Versate l'impasto nello stampo da Bund Cake. lo stampo deve essere ben imburrato e infarinato, oppure spruzzato in ogni punto con lo staccante spry. Cuocete nel forno caldo a 180 gradi per circa 35 minuti, ma fate sempre la prova stecchino per verificare la cottura. Lasciate intiepidire prima di toglierlo dallo stampo. Servite con una semplice spolverata di zucchero a velo oppure una colata di ganache al cioccolato fondente. Per realizzarla spezzettate 100 g di cioccolato fondente e fatelo fondere in un pentolino insieme a 50 g di panna fresca liquida. Versate la copertura golosa sulla ciambella e decorate con ribes e foglie di cedrina o menta. Se vi è piaciuta questa ricetta lasciate un commento.

Vi aspetto nella mia pagina Instagram.

Baci

Monica

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
un piano di legno dove sono posati dei biscotti con margherite, a lato una tazza e una teiera bianca

La pasta frolla con farina di riso è perfetta per realizzare dei deliziosi biscotti senza glutine, friabili, leggeri e dal gusto delicato. 

E’ una pasta frolla ideale anche come base di crostate e tartine mignon non solo per chi è celiaco o sensibile al glutine ma per tutti!

Non è difficile da impastare ma come sempre servono pazienza e attenzione nel maneggiarla perché le frolle senza glutine sono più friabili.

Vediamo insieme come prepararla.

un piano di legno dove sono posati dei biscotti con margherite, a lato una tazza e una teiera bianca

pasta frolla con farina di riso

Stampa
Tempo di preparazione:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 100 g zucchero semolato,
  • 100 g burro,
  • 1 uovo,
  • 200 g farina di riso ( io ho usato 100 g di farina di riso bianca e 100 g di farina di riso integrale @MulinoMarello),
  • buccia di limone biologico grattugiata

Procedimento

Mettete in una ciotola il burro tagliato a pezzetti e unite lo zucchero. Amalgamate bene con una forchetta fino a quando il burro non sarà diventato morbido. Aggiungete la scorza di limone grattugiata, un pizzico di sale e l’uovo intero. Mescolate ancora il composto ed unite anche la farina di riso. Impastate con le mani velocemente e formate un panetto. Avvolgete la pasta frolla con farina di riso nella pellicola trasparente e fatela riposare per 30 minuti in frigo prima di utilizzarla. Far riposare la pasta serve a far sì che il burro si rapprenda di nuovo, rendendola compatta e meno friabile. Trascorso il tempo è pronta per essere stesa con il mattarello sulla spianatoia infarinata di farina di riso. Se realizzate dei biscotti, prendete un po’ di impasto alla volta in modo da non scaldarlo troppo. Io stendo la pasta frolla su una spianatoia di acciaio. Sia il mattarello che il piano di lavoro, devono essere ben infarinati di polvere di riso o amido. Intagliate i biscotti della vostra forma preferita e infornateli sulla teglia da forno, foderata da carta forno o telo in silicone forato, per circa 15 minuti a 180 gradi, forno preriscaldato. Una volta cotti, togliete la teglia dal forno e aspettate prima di toccarli per evitare che si rompano.

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
un tagliere di gnocchi da cuocere e a lato una fondina con gnocchi conditi al pomodoro e basilico

Gli gnocchi di polenta sono un primo piatto della tradizione, senza glutine, gustoso e a spreco zero perché viene preparato con l’avanzo di polenta.

Anche se può sembrare un piatto invernale, questi gnocchi alla polenta porteranno in tavola il sapore della bella stagione con il loro colore giallo e il profumo della passata fresca con il basilico.

Una ricetta facile e del riciclo.

Se amate i piatti della tradizione veneta, potete trovare nel blog la sezione dedicata.

Ad esempio :

il risotto con bruscandoli

“risi e bisi

le rosole in tecia”

“torta salata con bruschi”

e tanti dolci come per esempio ” il macafame ” e

“la torta putana”

 

un tagliere di gnocchi da cuocere e a lato una fondina con gnocchi conditi al pomodoro e basilico

gnocchi di polenta

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 300 g di polenta avanzata e fredda
  • 1 o 2 tuorli
  • 200 g circa di farina di riso
  • 2 cucchiai di formaggio grattugiato

Procedimento

Prendete la polenta avanzata e fredda e pesatene 300 grammi circa per una dose di 2 persone.

Io uso la polenta istantanea avanzata.

Frullatela a crema con il frullatore o mescolatela bene con una forchetta per renderla lavorabile.

Aggiungete il tuorlo dell’uovo all’impasto e il formaggio grattugiato.

Infine unite la farina di riso un poco per volta fino ad ottenere un impasto omogeneo. In base al composto regolatevi se unire un secondo tuorlo.

Il procedimento è sempre il classico degli gnocchi tradizionali: lavorate prima nella ciotola e poi su una spianatoia infarinata.

Staccate poco impasto per volta e formate dei cilindri con le mani. Tagliate in tocchetti da 2 cm in modo da ottenere i vostri gnocchi. Chi desidera può rigarli con la forchetta o con l’apposito strumento ma il gusto non cambia.

Portate a bollore l’acqua in una pentola per cuocerli. Salate, aggiungete un cucchiaio di olio e tuffate gli gnocchi un po’ alla volta.

Quando li vedrete salire in superficie saranno pronti.

Scolateli e conditeli a vostro piacimento.

Anche se può sembrare un piatto invernale, credetemi che con il sugo dei pomodorini e del basilico fresco porterà il profumo e i colori estivi a tavola.

 

Consigli:

  • ricordatevi di aggiungere all’acqua di cottura un cucchiaio di olio in modo da non far attaccare gli gnocchi tra loro.
  • Perfetti anche se conditi con del pesto o del semplice burro fuso.
  • Spolverate sempre la spianatoia con farina di riso o amido
0 commento
1 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
un piatto di biscotti in primo piano, sullo sfondo una teiera cianca e un libro aperto con una tazza sopra

Baci di dama

by Monica Bellin

I baci di dama sono i tipici biscotti golosi della cucina piemontese. Piccole cupolette di frolla alle mandorle, accoppiate insieme da un velo di cioccolata fondente.

Oggi io ve li propongo in versione diversa perché un tempo venivano realizzati proprio con le nocciole che a metà dell’800 erano più reperibili.

Con qualche piccola accortezza e farine naturali senza glutine potrete servire ai vostri ospiti dei pasticcini della tradizione, golosi e friabili da sciogliersi in bocca!

Con questa ricetta potrete fare circa 70 palline, 35 biscotti.

 

Se amate i biscotti trovate tante ricette da provare nella sezione biscotti qui nel blog!

Ad esempio vi consiglio :

biscotti al mais

biscotti con farine naturali

biscotti dal cuore morbido “

“biscotti da inzuppo”

“biscotti al caffè”

biscotti di ricotta “

… e tanti altri da scoprire.

un piatto di biscotti in primo piano, sullo sfondo una teiera cianca e un libro aperto con una tazza sopra

baci di dama

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 100 g di burro
  • 100 g di farina di mais
  • 20 g fecola di patate
  • 100 g di farina di riso
  • 80 g di zucchero semolato
  • 100 g di nocciole intere (io ho usato quelle spellate)
  • 1 uovo
  • cioccolato fondente senza glutine

Procedimento

Per prima cosa frullate le nocciole nel frullatore, a piccoli impulsi in modo da non far fuoriuscire l’olio. Dovrete ottenere una farina polverizzata. Mettete da parte. Inserite nel mixer il burro a pezzetti, insieme allo zucchero e alle farine di mais, farina di riso e fecola. Mescolate fino ad ottenere un composto sabbioso. A questo punto, aggiungete l'uovo e la farina di nocciole. Continuate a mescolare fino ad ottenere un impasto compatto. Rovesciate la pasta in una ciotola e lavoratela leggermente con le mani. Avvolgete il panetto con la pellicola e lasciatelo riposare in frigo per 1 ora. Trascorso il tempo ricavate delle palline. Appoggiate ciascuna pallina su una teglia foderata di carta forno. Le palline devono essere distanziate, rotonde e tutte della stessa dimensione. Si raccomanda di far riposare un’altra ora i biscotti nel frigorifero in modo che restino ben compatti durante la cottura. Mettete la teglia con i biscotti in forno preriscaldato a 180° per 15,20 minuti. Una volta cotti, togliete la teglia dal forno e lasciate raffreddare. (attenzione a lasciare raffreddare completamente i biscotti senza toccarli fino a quando son solidificati). Una volta fredde si possono assemblare. Fondete il cioccolato a pezzetti, potete farlo a bagno maria oppure come faccio io qualche minuto al microonde, mescolando ogni tanto. Prendete una pallina alla volta e spalmate un pò di cioccolato, quindi copritela con un altro biscotto. Solo quando son ben freddi e il cioccolato duro, son pronti per essere serviti. Disponete i vostri baci di dama senza glutine su un vassoio o un bel piatto di portata per la vostra merenda speciale!   Consiglio: i baci di dama si conservano anche per 1 mese sigillati in scatole di latta oppure biscottiere di vetro. Io li trovo molto belli anche da regalare magari con un pacchettino personalizzato!

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
Ultimi post

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terzi. Cliccando su accetto acconsenti all'utilizzo dei cookie Accetto Privacy Policy

Privacy & Cookies Policy