Home Tags Posts con tag "latte"

latte

mini plumcake visti dall alto, con delle rose bianche e un coltello pieno di formaggio da spalmare, un sacchettino di mandorle a lato.

Tempo ancora capriccioso, cielo grigio e nuvole cariche di pioggia. Dopo un maggio freddo e piovoso, ci mancava anche restare delusi da un inizio giugno così…  Niente cena in terrazza stasera ma ho un’idea perfetta per un apericena saporita e gustosa: dei mini plumcake allo stracchino e mandorle con farina di riso e farina di grano saraceno.

Un’alternativa ai soliti stuzzichini, perfetti per essere accompagnati da affettati e formaggi.

Ottimi anche per sostituire il pane.

Questi mini plumcake sono davvero saporiti, vi consiglio di ripeterli.

Se non avete gli stampini da mini plumcake ( reperibili al supermercato ) , potete realizzarli anche in versione muffins, ne verranno il doppio.

In superficie ho messo le mandorle tostate @abbascianofruttasecca un’azienda con più di 70 anni di esperienza che assicura anche a noi celiaci prodotti senza pericoli di contaminazioni.

Se non amate il gusto dello stracchino, potete optare per la panna da cucina che renderà la vostra preparazione sicuramente neutra e perfetta per abbinarsi ad ogni piatto.

Potete realizzarli anche con la vostra farina preferita.

Se vi è piaciuta questa ricetta vi consiglio di provare anche i muffin salati e i muffin al formaggio.

Vi aspetto nella mia pagina Instagram e nei commenti! 

Fatemi sapere se li rifate! Son certa che vi piaceranno!

mini plumcake visti dall alto, con delle rose bianche e un coltello pieno di formaggio da spalmare, un sacchettino di mandorle a lato.

miniplumcake stracchino e mandorle

Tempo ancora capriccioso, cielo grigio e nuvole cariche di pioggia. Dopo un maggio freddo e piovoso, ci mancava anche restare delusi da un inizio giugno così…  Niente cena in terrazza… Muffins e Plumcake plumcake, aperitivo, ricette senza glutine, senza glutine, glutenfree, antipasto, plumcake salato, stracchino, farina di riso, mandorle, miniplumcake European Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 100 g di farina di riso
  • 30 g farina di grano saraceno
  • 100 g di parmigiano grattugiato
  • 1 uovo
  • 60 g di latte
  • 80 g di olio di semi
  • 100 g stracchino
  • 1 cucchiaino di lievito istantaneo,
  • 30 g mandorle tostate @abbasciano tritate grossolanamente
  • sale q.b.

Procedimento

Preriscaldate il forno a 180 gradi.

In una ciotola amalgamare lo stracchino, lo stracchino, l’uovo, il latte, l'olio con una forchetta.

Unite poi le farine.

Amalgamate bene fino ad avere un composto privo di grumi. Aggiungete il cucchiaino di lievito istantaneo, il pizzico di sale.

Riempite per 3/4 gli stampi da mini plumcake .

Aggiungete sulla superficie  delle mandorle tostate  tritate grossolanamente con il coltello .

Mettete in forno preriscaldato a 180°C, fate cuocere per 25 minuti circa. Prima di spegnere il forno fate la prova stecchino per capire se il composto è asciutto.

Dovranno essere ben dorati.

I mini muffin salati con stracchino e mandorle tostate sono da servire caldi o freddi, perfetti con salumi e formaggi, verdure.

E’ l’idea perfetta per sostituire il pane, preparare aperitivi fantasiosi, e anche da portare in ufficio.

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
una teglia con un dolce di albicocche, sopra uno straccio e un tavolo di legno, sullo sfondo delle albicocche e delle rose, dei piattini e una forchetta

Avete mai preparato questo dolce? Oggi metto in tavola una clafoutis alle albicocche.

E’ un dolce dell’ultimo momento, quando non si ha tempo di impegnarsi in preparazioni lunghe e laboriose. Perfetto quando si hanno pochi ingredienti in casa, infatti bastano latte, uova, zucchero, un po’ di farina e della frutta. Poco più di mezz’ora in forno e potete servirla come merenda oppure come dessert alla fine di una cena tra amici, magari accompagnato da una pallina di gelato alla vaniglia.

Essendo il clafoutis un dolce da servire in tavola senza doverlo sformare, scegliete uno stampo che sia carino da portare in tavola. A me piace anche la classica pirofila di vetro, ma perfetto anche uno stampo di ceramica.

La crosticina in superficie si ottiene spargendo dello zucchero semolato in superficie negli ultimi 5 minuti di cottura, con il grill.

Una raccomandazione: la frutta deve essere soda e non rilasciare troppo succo perché potrebbe compromettere la consistenza del dolce già così soffice, che ricorda la morbidezza di un dolce al cucchiaio.

Ma sapete l’origine di questa dolcezza al cucchiaio?

Il clafoutis è un dolce di antiche origini contadine francesi, in particolare della zona di Limousin. Il clafoutis tradizionale è fatto con ciliegie, frutto tipico di quella zona. Questo gustoso dolce veniva preparato per essere portato nei campi e gustato durante una pausa dal duro lavoro. Proprio per questo motivo il clafoutis prese la nomina di dolce tipico dei contadini.

Ecco perché a prescindere dalla provenienza, è un dolce che mi piace tanto. Le umili origini, le preparazioni semplici, che sanno di casa, di amore, di esigenza e dell’arte di arrangiarsi con quel che si ha.

Una sorta di coccola anche se si ha poco.

Oggi io ve la offro in versione albicocche, il frutto sodo che avevo in casa e che in questo periodo si trova in abbondanza.

Fatelo: è pura goduria!

Vi aspetto nei commenti e come sempre nella mia pagina Instagram.

Se vi piace questo dolce vi consiglio anche il budino di pane e mele nel blog.

una teglia con un dolce di albicocche, sopra uno straccio e un tavolo di legno, sullo sfondo delle albicocche e delle rose, dei piattini e una forchetta

Clafoutis alle albicocche

Avete mai preparato questo dolce? Oggi metto in tavola una clafoutis alle albicocche. E’ un dolce dell’ultimo momento, quando non si ha tempo di impegnarsi in preparazioni lunghe e laboriose.… Dolci al cucchiaio Clafoutis alle albicocche, claufoutis, dolce, frutta, albicocche, farina di riso, dolce al cucchiaio, merenda, dessert, European Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • Albicocche
  • 100 g zucchero,
  • 50 g farina di riso o la vostra farina abituale,
  • 250 g latte,
  • 2 uova,
  • burro per imburrare la pirofila,
  • zucchero di canna o semolato per la copertura.

Procedimento

Preriscaldate il forno a 180 gradi in modalità ventilata.

Mentre il forno si scalda, mettete in una ciotola la farina e lo zucchero.

Aggiungete le uova ed amalgamate il tutto con una frusta.

Aggiungete il latte freddo ed amalgamate nuovamente il tutto sempre con la frusta.

Prendete lo stampo imburrato, io ho scelto una pirofila di vetro misura 15 x 20 ma potete optare per una teglia di ceramica rotonda di 22 cm.

Versate il composto e disponetevi le albicocche lavate e tagliate a metà con la parte tagliata rivolta verso l’alto.

Infornate per 35 minuti circa a 180 gradi o fino a quando vedete che si è abbastanza solidificato.

A 5 minuti dal termine della cottura, spolverate il clafoutis con abbondante zucchero semolato o di canna e rimettete in forno con il grill acceso per caramellare lo zucchero in superficie.

In foto potete vedere che piatto goloso sarà il risultato finale

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
una costata morbida posata su una tortiera e un tavolo di legno, con crema viola e mirtilli, a lato una tazza e una fetta tagliata

La crostata morbida con mousse ai mirtilli è perfetta per la bella stagione. Soffice, fresca, dolce, golosa, colorata e soprattutto buonissima! Serve aggiungere altro per provarla?

La base morbida della crostata è realizzata con la farina di riso. Perfetta se fatta nello stampo furbo, quello con lo scalino.

La mousse di mirtilli è talmente buona da essere un’alternativa anche come dessert al cucchiaio… sì lo so magari è un po’ troppo golosa ma per il fine settimana uno strappo si può anche fare…

Ho realizzato la mousse aggiungendo alla panna e al mascarpone una composta di mirtilli freschi, cotti con qualche cucchiaio di zucchero.

Bastano davvero pochi ingredienti sani e nutrienti per portare in tavola un dolce semplice, senza glutine e di grande effetto!

Domani sarà il primo maggio, vi auguro di trascorrere un fine settimana sereno…e vi ricordo di farmi sapere nei commenti se rifate una delle mie ricette!

Vi aspetto anche nella mia pagina Instagram, per seguire le storie e i video.

Ora vediamo insieme come prepararla e se vi piacciono i dolci con i mirtilli non perdetevi:

mini plumcake ai mirtilli

“rotolo con yogurt greco e mirtilli”

plumcake con mirtilli”

 

Per le mie ricette ho usato mirtilli residuo zero di Sant’Orsola. Un’organizzazione di produttori specializzati nella coltivazione di piccoli frutti, fragole e ciliegie. Da sempre ideatori e promotori di nuove tecniche di coltivazione all’avanguardia. Dai primi anni ’70 un riferimento italiano per i piccoli frutti.

In particolare il mirtillo residuo zero ,un mirtillo completamente “clean”, capace di farsi notare anche per il suo aspetto: un piccolo gigante tondo dalla buccia color indaco, con un cuore di polpa

verde chiaro.   *CSQA DTP 021 – CERT.N.57433 Residui di fitofarmaci di sintesi chimica inferiori al limite di misurabilità (<0,01 mg/kg)

una costata morbida posata su una tortiera e un tavolo di legno, con crema viola e mirtilli, a lato una tazza e una fetta tagliata

crostata morbida con mousse ai mirtilli

La crostata morbida con mousse ai mirtilli è perfetta per la bella stagione. Soffice, fresca, dolce, golosa, colorata e soprattutto buonissima! Serve aggiungere altro per provarla? La base morbida della… Dolci delle feste crostata, senza glutine, mirtilli, crema, dessert, dolci, crema ai mirtilli, glutenfree, torta fresca, torta ai mirtilli, crostata morbida ai mirtilli European Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • per la base morbida:
  • 2 uova,
  • 100 g zucchero,
  • 100 g latte,
  • 150 g farina di riso,
  • 80 g burro
  • un cucchiaino di lievito per dolci.
  • per la mousse :
  • 200 g panna fresca liquida,
  • 250 g mascarpone,
  • 4 cucchiai di zucchero a velo,
  • salsa di mirtilli ottenuta cuocendo 200 g di mirtilli con 5 cucchiai di zucchero e 2 cucchiai di amido di mais.
  • Per la decorazione 2 cestini di mirtilli e qualche fogliolina di menta.

Procedimento

Prepariamo la base morbida.

Preriscaldate il forno a 180 gradi modalità ventilata.

Montate bene in una ciotola le uova e lo zucchero con le fruste elettriche.

Unite il burro fuso, l’aroma e il latte, continuando a mescolare.

Incorporate alla fine farina e lievito, setacciandoli.

Amalgamate bene e versate il composto in uno stampo apposito per crostate (quelli furbetti con lo scalino). Lo stampo deve essere ben imburrato e infarinato, oppure spennellato da uno staccante ovviamente senza glutine.

Cuocete in forno preriscaldato per 20/25 minuti a 180 gradi, io uso modalità ventilata.

Prepariamo nel frattempo la salsa di mirtilli che servirà per la mousse.

In un pentolino versate 200 grammi di mirtilli e cuoceteli con 5 cucchiai di zucchero.

Dopo 5 minuti di bollore rapprendeteli con un cucchiaio di maizena (amido di mais) continuando a mescolare.

Spegnete il fuoco dopo qualche minuto e fate raffreddare completamente.

In una ciotola con le fruste elettriche (oppure nella planetaria) montate la panna liquida fredda da frigo con lo zucchero.

Unite il mascarpone quando la panna diventerà solida.

A questo punto aggiungete la salsa di mirtilli fredda e mescolate delicatamente.

Spalmate la mousse sopra la base morbida con l’aiuto di una spatola in silicone.

Quando avrete lisciato bene decorate con i mirtilli e qualche fogliolina di menta.

 Una spolverata di zucchero a velo sarà il tocco finale che renderà il vostro dolce irresistibile.

Prima di servirlo fatelo riposare qualche ora in frigorifero in modo da far rassodare la crema.

 

Vi aspetto nei commenti !

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
una torta al cioccolato vista dall'alto, cosparsa da zucchero a velo, con una fetta tagliata a lato e un uovo di Pasqua rotto vicino

La torta tenerina resta per eccellenza uno dei dolci preferiti da tutti qui a casa.

Irresistibile, con il suo interno morbido, umido e la crosticina golosa in superficie…

Al primo morso riesce a conquistare chiunque!

Ottima idea per il riciclo del cioccolato, nel periodo post pasquale quando abbiamo ancora uova da smaltire.

Io con 4 figli e uova di Pasqua arrivate da ogni dove, potete immaginare  la quantità di cioccolato che ho ancora in casa….

E come sempre la ricetta del riciclo per eccellenza è la torta tenerina.

Avevo lasciato in velocità questa ricetta solo nella mia pagina Instagram ma ha avuto un successo tale che ho deciso di inserirla anche nel blog, così la potete trovare facilmente e anche stampare.

E’ una preparazione molto facile e veloce, basta solo fare attenzione alla cottura perché la caratteristica di questo dolce è proprio il suo cuore umido e morbido e la sua crosticina croccante in superficie.

Per realizzarla in versione senza glutine ho scelto un mix per dolci senza glutine, ne vanno solo 50 grammi.

Potete optare però per una vostra farina a piacimento.

Ottima anche nella stagione più calda servita con una pallina di gelato alla crema.

È una coccola nei pomeriggi più freschi con un caffè .

Insomma per chi è amante della cioccolata come me, questa torta è davvero buona tutto l’anno.

Se desiderate cimentarvi in altre preparazioni golose con il cioccolato vi consiglio le ricette nel blog :

“chiffon cake con ganache al cioccolato

torta di fragole,cioccolato e ricotta”

dessert al cioccolato con frutti rossi

confettura di pere,cioccolato e rum”

“torta nuda al cioccolato”

crostatine con ganache al cioccolato”

crostata di frutta con crema al cioccolato”

brownie con fragole”

 

Ora vediamo la ricetta della torta tenerina e vi aspetto nei commenti !

una torta al cioccolato vista dall'alto, cosparsa da zucchero a velo, con una fetta tagliata a lato e un uovo di Pasqua rotto vicino

torta tenerina

La torta tenerina resta per eccellenza uno dei dolci preferiti da tutti qui a casa. Irresistibile, con il suo interno morbido, umido e la crosticina golosa in superficie… Al primo… Torte classiche torta al cioccolato, senza glutine, cioccolato, torta tenerina, tenerina, cacao, merenda, colazione, torta golosa, cioccolato fondente, glutenfree European Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 250 gr di cioccolato fondente,
  • 140 gr di burro,
  • 150 gr di zucchero,
  • 3 uova medie,
  • 50 gr di farina mix dolci senza glutine oppure una vostra farina a piacimento,
  • 3 o 4 cucchiai di latte.

Procedimento

Separate i tuorli dagli albumi.

Montate con le fruste elettriche i tuorli con 130 g dello zucchero per almeno fino ad ottenere un composto chiaro e raddoppiato di volume.

Sciogliete al microonde il cioccolato e il burro. (potete farlo anche a bagno maria ma io preferisco questo procedimento veloce)

Versate il cioccolato fuso nella montata di uova e amalgamate per ottenere un composto omogeneo.

Aggiungete la farina e il latte.

A parte, montate a neve fermissima gli albumi con il restante zucchero e aggiungeteli all’impasto con una spatola dal basso verso l’alto al fine di non smontare l’impasto.

Ottenuto un composto omogeneo, versatelo in una tortiera da 24 cm foderata da carta forno.

 Cuocete la torta per 25′ – 30′ a forno preriscaldato a 170 gradi.

Attenzione a non cuocerla troppo: ricordate che il centro della torta tenerina deve mantenersi umida e piuttosto morbida e la superficie avere la caratteristica crosticina croccante.

 

Spolverate con zucchero a velo prima di servirla.

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
coloma di Pasqua vista dall'alto con delle uova di lato, dei fiori rosa, uno straccio e delle posate vintage

Pasqua si avvicina e come sempre supermercati e panifici si riempiono di colombe e focacce pasquali di ogni gusto e decorazione. E io da celiaca me le preparo in casa o almeno ci provo, nella maniera più semplice e genuina possibile.  Una versione facile di colomba di Pasqua senza glutine .

All’inizio, nei primi mesi, mi abbattevo e soffrivo per non poter addentare tutto quello che volevo, ma poi, ho imparato col tempo ad accettare e a dedicarmi alla cucina. Ho iniziato a studiare, a condividere i miei esperimenti, a confrontarmi, a mettermi alla prova ogni giorno.

Ecco allora la mia versione della Colomba pasquale senza glutine.

Forse non sarà la ricetta classica della colomba, ma vi assicuro che è buonissima, facile e veloce.

La bellezza di mettere in tavola o regalare una colomba di Pasqua senza glutine!

Per fare la colomba senza glutine serve uno stampo per colomba di carta usa e getta, da 750 grammi, che si trova nei negozi di pasticceria, o per la casa ma anche in molti supermercati (soprattutto nel periodo di Pasqua); se non lo trovate, chiedete al vostro fornaio di fiducia e vedrete che ne avrà sicuramente una bella scorta.

Ora procediamo con la ricetta e aspetto i vostri commenti.

 

Vi aspetto anche nella pagina Instagram.

coloma di Pasqua vista dall'alto con delle uova di lato, dei fiori rosa, uno straccio e delle posate vintage

colomba di Pasqua senza glutine

Pasqua si avvicina e come sempre supermercati e panifici si riempiono di colombe e focacce pasquali di ogni gusto e decorazione. E io da celiaca me le preparo in casa… Dolci delle feste colomba di Pasqua, dolci tipici, colomba, dolci senza glutine, senza glutine, dolci fatti in casa, European Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 300 g di farina (io ho usato mix per pane)
  • 50 g farina di riso ( va benissimo anche 350 g di farina mix per pane)
  • 3 uova
  • 100 g di burro morbido (oppure 90 g di olio di semi di girasole)
  • 150 g di zucchero semolato
  • 1 bicchiere di latte circa 200 ml
  • 100 g di gocce di cioccolato senza glutine
  • (chi desidera può aggiungere anche uvetta o canditi…. A me non piacciono proprio quindi li evito)
  • una bustina di lievito per torte salate senza glutine (lievito secco)
  • buccia grattugiata di un limone, di una arancia e una fialetta di aroma di mandorla,
  • 100 g di scaglie di mandorle pelate
  • granella di zucchero

Procedimento

Separate gli albumi dai tuorli.

Montate gli albumi a neve ferma con 10 g di zucchero.

Mescolate i tuorli con il burro morbido e lo zucchero.

Aggiungete il latte e gli aromi.

A questo punto potete scegliere se lasciare l’impasto della colomba bianco oppure se arricchirlo a piacere con altri ingredienti sfiziosi, come canditi, uvetta o gocce di cioccolato come ho fatto io.

Unite le farine e il lievito e, per ultimi, gli albumi montati a neve, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto con una spatola.

Versate l’impasto in uno stampo di carta da colomba da 750 gr.

Sulla superficie della colomba poggiate delicatamente le scaglie di mandorle ( e mandorle pelate intere) e chi desidera la granella di zucchero.

Infornate nel forno già caldo preriscaldato a 180 gradi per circa 45 minuti.

Controllate la cottura facendo sempre la prova stecchino.

Io ho usato modalità ventilata ma se usate modalità statica ci può voler più tempo.

Se la superficie della vostra colomba diventa troppo dorata coprite con un foglio di carta forno verso fine cottura.

La nostra colomba di Pasqua fatta in casa è pronta, lasciatela raffreddare sulla gratella del forno.

 

 

0 commento
1 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
una torta semplice tagliata. una fetta in primo piano con delle rose bianche posate su un tavolo, sullo sfondo una tazza con dei fiorellini bianchi

La torta di pane era l’occasione che la famiglia contadina aveva di portare in tavola un dolce sostanzioso che non avesse bisogno di ingredienti pregiati e, quindi, costosi. Facile, buona, nutriente, profumata, ideale per colazione da inzuppare ma anche per merenda da farcire.

L’ingrediente principale è il pane avanzato; con questo si possono infatti preparare infinite varianti del dolce aggiungendo frutta secca, frutta matura, cioccolato, cacao, miele, spezie, zucchero, ottenendo così un dolce semplice ma gustoso e sfizioso per tutti.

Nella cucina veneta la torta di pane ha un nome un po’ particolare e la trovate presente qui nel mio blog con il nome originario “ torta putana”. La ricetta della tradizione si scosta un po’ da questa ma l’idea del riciclo era la stessa. Ogni famiglia poi tramandava la sua versione con un ingrediente particolare.

Si potrebbe dire che per ogni paese esiste un tipo di pane e per ogni famiglia esiste un tipo di Torta di pane.

La mia di oggi è realizzata con un pane morbido bauletto integrale e senza glutine. Come aroma ho scelto di unire un cucchiaio di rum.

Vi consiglio di vedere nel blog anche la ricetta “torta putana

Ora procediamo con questa ricetta, vi aspetto nella mia pagina instagram e nei commenti.

Fatemi sapere se rifate le mie ricette, ricevere un vostro parere per me è molto importante.

una torta semplice tagliata. una fetta in primo piano con delle rose bianche posate su un tavolo, sullo sfondo una tazza con dei fiorellini bianchi

torta di pane

La torta di pane era l’occasione che la famiglia contadina aveva di portare in tavola un dolce sostanzioso che non avesse bisogno di ingredienti pregiati e, quindi, costosi. Facile, buona,… Torte classiche torta di pane, senza glutine, torta facile, ricette facili, torta della nonna, glutenfree, torta della tradizione, pane, ricette della nonna European Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 250 g di pane morbido o anche raffermo,
  • 300 g latte,
  • 3 uova,
  • 6 cucchiai di zucchero,
  • un cucchiaio di grappa o rum o altro liquore oppure un aroma a gradimento,
  • 1 bustina di lievito per dolci (in caso di celiachia controllate la dicitura senza glutine),
  • 6 cucchiai di farina (io ho usato farina di riso).
  • zucchero a velo per lo spolvero.

Procedimento

Questo dolce si può realizzare completamente al frullatore ma anche a mano come facevano le nonne.

Nel procedimento con il frullatore:

Spezzettate il pane e mettetelo nel mixer.

Unite il latte e frullate.

Aggiungete le uova, lo zucchero, un cucchiaio di liquore o altro aroma a piacimento.

Infine terminate con la farina e il lievito per dolci.

Amalgamate bene gli ingredienti fino ad ottenere un composto morbido e omogeneo.

Versate l’impasto della torta di pane in uno stampo da 24 cm foderato da carta forno oppure imburrato e spolverato da pan grattato.

La torta di pane cuoce nel forno preriscaldato a 180 gradi, modalità ventilata per circa 35, 40 minuti.

Fate sempre la prova stecchino per verificare la cottura dopo i 30 minuti perché ogni forno può avere tempistiche diverse.

Servite la torta tuiepi

 

Procedimento a mano :

Se non avete il frullatore o preferite farlo a mano con il vecchio metodo delle nonne, spezzettate il pane e mettetelo in ammollo per circa un’ora nel latte in una ciotola.

Trascorsa un’ora schiacciate bene il pane con una forchetta e mescolate in modo da ottenere una purea.

Unite le uova, lo zucchero, un cucchiaio di liquore e infine setacciate la farina e il lievito .

Il composto dovrà essere morbido e omogeneo.

 

Procedete con la cottura come nel procedimento al frullatore.

 

Variante:

  • potete aggiungere all’impasto delle gocce di cioccolato oppure dell’uvetta passa.
  • Si possono sostituire tre cucchiai di farina con del cacao in polvere amaro per ottenere una versione più golosa.
  • Prima di infornare chi desidera può arricchire la superficie con granella di nocciole, zuccherini o anche pinoli.

 

Questa torta va conservata in una campana di vetro per tre , quattro giorni.

Ottima da inzuppare a colazione o per merenda anche da farcire.

 

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
muffin con zuccherini posati su un tavolo con tulipani rossi, sullo sfondo un libro aperto, una tazza e una alzata con altri muffin

I muffin con farina di ceci sono profumati e morbidi dolcetti adatti a tutte le stagioni da gustare a merenda o a colazione. Perfetti per chi è celiaco come me perché realizzati con la farina di ceci.

Un impasto facilissimo da fare, come tutte le mie ricette.

Bastano una ciotola e delle fruste elettriche, 10 minuti per prepararli e altri 20 per cuocerli.

Io li ho voluti realizzare bianchi, con semplici zuccherini ad addolcire la superficie ma si sposano benissimo col cioccolato, arricchendo l’impasto con delle generose manciate di gocce fondenti.

La farina di ceci è speciale sia nelle preparazioni dolci che salate.

 

Se vi piace l’idea di usare questa farina naturalmente senza glutine, provate anche la ricetta :

girelle con farina di ceci

 

muffin con zuccherini posati su un tavolo con tulipani rossi, sullo sfondo un libro aperto, una tazza e una alzata con altri muffin

muffin con farina di ceci

I muffin con farina di ceci sono profumati e morbidi dolcetti adatti a tutte le stagioni da gustare a merenda o a colazione. Perfetti per chi è celiaco come me… Muffins e Plumcake merenda, muffin, senza glutine, farina di ceci, dolcetti, colazione, glutenfree, senza burro, senza lattosio, European Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 200 gr farina di ceci,
  • 130 g di latte parzialmente scremato ( io peso anche i liquidi per comodità),
  • 1 uovo,
  • 80 g olio di girasole,
  • 100 gr zucchero semolato o di canna,
  • 1/2 bustina di lievito per dolci senza glutine,
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino essenza di vaniglia o altro aroma a vostro piacimento,
  • facoltativo 100 gr gocce di cioccolato fondente
  • zuccherini

Procedimento

Preriscaldate il forno a 180 gradi in modalità statica.

In una ciotola lavorate con le fruste elettriche o frusta a mano, l’uovo con lo zucchero e l’aroma.

Unite l’olio e il latte.

Aggiungete la farina con la mezza bustina di lievito per dolci e un pizzico di sale e amalgamate bene gli ingredienti per ottenere un composto cremoso e omogeneo.

Potete aggiungere in questa fase 100 grammi di gocce di cioccolato fondente.

Versate il composto nei pirottini, superando di poco la metà.

Io utilizzo quelli in silicone ma vanno benissimo i pirottini di carta inseriti nell’apposito stampo porta pirottini oppure i pirottini di alluminio, meglio se imburrati e infarinati.

Infornateli e cuoceteli a forno già caldo, 180 gradi in modalità statica circa 20, 25 minuti.

Io ho cosparso ogni muffin di zuccherini bianchi prima di infornarli.

 

Ottimi per merende, colazioni sane , nutrienti e senza glutine.

 

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
mezza ciambella al cioccolato vista dall'alto con a lato dei tulipani rossi e due fette tagliate

La torta al latte caldo e cacao senza glutine è una nuvola soffice, umida, preparata con ingredienti semplici e facilmente reperibili.

La mia in versione a ciambella è coperta da golosa cioccolata fondente fusa ma è ottima da servire anche al naturale con una abbondante spolverata di zucchero a velo.

Si realizza in poco tempo e la sua sofficità conquista davvero tutti.

Se realizzata in uno stampo a cerniera rotondo diventa anche un’ottima base per torta da farcire.

Perfetto l’abbinamento con la confettura di lamponi oppure crema gianduia.

Prepariamola insieme e se vi piacciono i dolci al cioccolato non perdetevi anche le ricette di:

muffin cacao e pere

biscotti cioccolato pere e rum”

torta di zucchine e cacao

ciambella al vino rosso”

brownie con farina di mandorle”

torta autunnale al cioccolato”

crostatine con ganache al cioccolato”

mezza ciambella al cioccolato vista dall'alto con a lato dei tulipani rossi e due fette tagliate

torta al latte caldo e cacao senza glutine

La torta al latte caldo e cacao senza glutine è una nuvola soffice, umida, preparata con ingredienti semplici e facilmente reperibili. La mia in versione a ciambella è coperta da… Torte classiche merenda, senza glutine, cacao, gluten free, latte, colazione, ciambella European Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 3 uova,
  • 150 g zucchero semolato oppure di canna,
  • 120 g latte tiepido,
  • 60 g burro,
  • 180 g di farina (divisi in 100 g farina di riso, 80 g farina di grano saraceno),
  • 2 cucchiai di cacao amaro in polvere,
  • 1 cucchiaio di rum o un aroma che gradite,
  • 1 bustina di lievito per dolci con indicazione senza glutine.
  • Per la copertura 100 grammi di cioccolato fondente oppure zucchero a velo

Procedimento

Procedimento

Preriscaldate il forno a 180 gradi.

In una ciotola montate bene con le fruste elettriche lo zucchero con le uova fino ad ottenere un composto bianco, soffice e spumoso.

Unite i due cucchiai di rum o aroma a vostro piacimento come ad esempio vaniglia.

Setacciate le farine (io ho scelto di mescolare 100 grammi di farina di riso con 80 grammi di farina al grano saraceno) e il lievito per dolci con indicazione senza glutine.

Amalgamate bene con le fruste elettriche aggiungendo anche i due cucchiai di cacao amaro in polvere.

A parte, in un pentolino, mettete a scaldare leggermente il latte con il burro tagliato a tocchetti.

Fatelo intiepidire fino a sciogliere il burro completamente.

Unite a filo il latte e il burro all’impasto di uova e farina.

Amalgamate bene mescolando delicatamente con le fruste a bassa velocità.

Versate il composto cremoso in uno stampo a ciambella da 24 cm, ben imburrato e infarinato.

Potete scegliere anche uno stampo classico a cerniera dello stesso diametro.

Infornate nel forno già caldo a 180 gradi per circa 30 minuti (io uso modalità ventilata) ma fate sempre la prova stecchino perché ogni forno presenta tempistiche diverse.

Al termine della cottura, sfornate e lasciate raffreddare prima di toglierla dallo stampo.

Io ho glassato la mia ciambella con una colata di cioccolato fondente fuso.

Ho sciolto circa 100 grammi di cioccolato fondente al 60 % al microonde, facendolo colare poi sulla ciambella.

Ma potete servire la vostra torta in semplicità, solamente con un’ abbondante spolverata di zucchero a velo.

Per renderla più golosa potete arricchire l’impasto di gocce di cioccolato.

 

La torta al latte caldo e cacao è una torta facile, soffice, ideale per le merende e per le colazioni di grandi e piccini.

Si conserva più giorni nella campana di vetro.

 

Fatemi sapere nei commenti e seguitemi nella mia pagina Instagram Monica creazioni senza glutine.

 

 

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
un piatto con pan cake uno sopra l'altro, con dei lamponi, sullo sfondo un libro e una tazza

I pancake si preparano con latte, farina, uova, burro, zucchero e un po’ di lievito, mescolati fino ad ottenere una pastella abbastanza liquida. Queste focaccine dall’aspetto soffice si differenziano dalle crepes proprio per la presenza del lievito. I miei sono pan cake senza glutine, realizzati con farina di riso.

Sono perfetti per colazione così come per merenda, e si possono farcire a proprio piacimento: con sciroppi, frutta, glasse, cioccolata, marmellata …

La caratteristica curiosa dei pancake è che sono nati in Grecia, sono arrivati col tempo nel Nord Europa, e poi sono diventati un dolce da colazione tipico statunitense! Il pancake americano più famoso ai giorni nostri è solitamente servito con lo sciroppo d’acero.

Io oggi ve li presento appena cotti, ancora caldi, pronti per essere serviti e farciti ognuno a proprio gusto.

I miei preferiti hanno semplicemente marmellata di frutti rossi, qualche lampone e una spolverata di zucchero a velo.

I più giovani di casa invece li amano con glassa al cioccolato e qualche ciuffo di panna.

Direi che è una scelta azzeccatissima per i più golosi !

Insomma, ad ognuno il suo!

Vediamo come prepararli, bastano una ciotola per fare la crema e una piastra o padella antiaderente per cuocerli.

Se cercate una preparazione simile, non perdetevi le mie ricette:

tigelle allo yogurt”,

crepes senza glutine

un piatto con pan cake uno sopra l'altro, con dei lamponi, sullo sfondo un libro e una tazza

pancake senza glutine

I pancake si preparano con latte, farina, uova, burro, zucchero e un po’ di lievito, mescolati fino ad ottenere una pastella abbastanza liquida. Queste focaccine dall’aspetto soffice si differenziano dalle… Torte classiche pancake, senza glutine, glutenfree, merenda, dessert, colazione, breakfast , bakery, farina di riso, farine senza glutine European Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • Farina di riso senza glutine 200 g (potete mescolare anche farina di riso e farina di grano saraceno oppure usare un mix già pronto per pane o dolci)
  • 250 g latte,
  • 50 g di zucchero semolato,
  • Un uovo medio,
  • Un cucchiaino di lievito per dolci senza glutine

Procedimento

Sbattete l’uovo in una ciotola con una frusta, poi iniziate a versare il latte a filo continuando a mescolare.

Aggiungete la farina di riso (oppure il mix di farina scelto senza glutine) e mescolate per eliminare tutti i grumi.

Infine unite il lievito.

Mescolate ancora fino ad ottenere una pastella liscia e omogenea.

Ungete una padella antiaderente con un filo di olio oppure un po’ di burro.

( io uso una piastra grande, liscia, dove possono cuocerne 4 in contemporanea).

Rimuovete l’eccesso di burro o olio con un foglio di carta assorbente.

Versate un mestolo di pastella sulla piastra calda e cuocete a fiamma bassa.

Quando inizieranno a formarsi delle bollicine in superficie, girate il pancake con una spatola e continuate a cuocere finché non risulterà dorato anche dall’altra parte.

Ci vorranno circa 1-2 minuti per lato.

I miei pancake hanno un diametro di circa 10 centimetri e con questa dose solitamente riesco a farne circa 15.

Proseguite in questo modo per cuocere tutti i pancake impilandoli uno sull’altro su una spianatoia o piatto, man mano che saranno pronti.

Versate la stessa quantità di pastella così verranno tutti della stessa dimensione.

I vostri pancake senza glutine sono pronti per essere farciti o glassati a proprio gusto.

Una colazione perfetta da condividere con chi amiamo.

 

Conservazione: 

Una volta preparati i pancake, se non vanno consumati tutti subito,  è consigliabile conservarli  in frigorifero ma per un massimo di 3 giorni.  Disponete i pancake ormai freddi nei contenitori a chiusura ermetica, chiudete con cura e consumateli  dopo averli scaldati per qualche secondo al microonde o sulla padella calda.

Si possono conservare anche nel freezer e in questo caso, consiglio di inserire tra un pancake e l’altro dei quadrati di carta da forno tagliati nella misura adatta in modo da evitare che si attacchino tra loro. Inserite i vostri pancake in sacchetti a chiusura ermetica.

 

 

 

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
un tagliere bianco visto dall'alto con delle crepes piegate a trinagolo, delle uova rotte sul tavolo e altre intere, vicino ad un piatto con altre crepes rotonde

Vi presento le mie crepes senza glutine in versione naturale, da farcire dolci o salate a seconda dei gusti e del momento. Questa è una preparazione tipica di questi giorni, perché fin da Medioevo si preparava per la Candelora, il 2 febbraio.

Il giorno della Candelora è chiamata Purificazione della Beata Vergine Maria, e da tradizione si benedicono le candele, il simbolo della luce di Cristo, “luce che illumina le genti”. Per i cristiani questo giorno corrisponde ai 40 giorni dopo la nascita di Gesù.

Un proverbio famoso veneto dice:

quando vien la Candelòra de l’inverno semo fora, ma se piove o tira vento ne l’inverno semo dentro“.

Per significare che l’intensità dell’inverno è direttamente correlata al tempo che fa in questa giornata cruciale.

Da nord a sud, in tutt’Italia si festeggia questa ricorrenza di passaggio. La tradizione vuole che la Candelora arrivi proprio dopo i “giorni della merla”, 29-30-31 gennaio considerati i giorni più freddi dell’anno.

Questa giornata è anche una festa golosa soprattutto in Francia dove viene chiamata la festa delle crepes. 

Nel Medioevo se ne cucinavano tantissime in segno di festa: l’impasto veniva fatto riposare per tutta la notte e ogni famiglia aveva la sua ricetta segreta. La tradizione resistette anche alla Rivoluzione Francese:  in questo periodo vennero servite in occasione della Candelora come simbolo di buon augurio.

Una simpatica curiosità: si narra che le donne francesi esprimessero un desiderio mentre cuocevano le crepes, ma per fare in modo che il desiderio si realizzasse bisognava tenere nella mano destra una moneta d’oro e girare la crepe in padella con la mano sinistra.

Si diceva anche che se non si fossero preparate le crepes il giorno della Candelora, il grano sarebbe stato cariato per tutto l’anno.

La crepe medievale, come nei giorni nostri, era una preparazione molto semplice, fatta di uova, latte e farina.

Io le preparo spesso e solitamente faccio dose doppia per averne una piccola scorta in frigo. Sono un comodo salva cena ma anche una merenda golosa e nutriente.

  • Farcisco ogni crepes con salumi e formaggi, creo degli involtini e li faccio gratinare al forno con una grattugiata di parmigiano.
  • Ottime anche da usare come lasagne con verdure e besciamella.
  • Ideali per merende con salse dolci, frutta glassata, crema gianduia, cioccolato fuso o semplice zucchero a velo.

 

Vi aspetto nei commenti se le rifate e se vi piacciono le preparazioni veloci da usare sia dolci che salate non perdetevi  :

tigelle allo yogurt

 

in foto il tagliere Fentmarmi 

un tagliere bianco visto dall'alto con delle crepes piegate a trinagolo, delle uova rotte sul tavolo e altre intere, vicino ad un piatto con altre crepes rotonde

crepes senza glutine

Vi presento le mie crepes senza glutine in versione naturale, da farcire dolci o salate a seconda dei gusti e del momento. Questa è una preparazione tipica di questi giorni,… Ricette salate crepes, senza glutine. merenda, dessert, crespella, colazione, antipasto European Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 200 gr di farina, (potete usare un mix per dolci ma anche un mix per pane oppure nella versione farine naturali potete mescolare farina di riso e farina di grano saraceno),
  • 3 uova,
  • 350 ml di latte,
  • 50 g di burro sciolto,
  • un pizzico di sale,
  • buccia di limone biologico grattugiata.

Procedimento

Versate le uova in una ciotola.

Aggiungete il latte e mescolate con la frusta a mano per amalgamare bene.

Unite il burro fuso e il pizzico di sale.

Unite la farina poco alla volta continuando a mescolare per evitare la formazione di grumi.

Quando il composto sarà ben amalgamato, coprite la ciotola con pellicola trasparente e lasciate riposare in frigorifero per trenta minuti circa.

Trascorso il tempo di riposo, ungete una piastra per crepes oppure in alternativa una padella antiaderente.

Quando sarà ben calda versatevi un mestolo di composto.

Fate in modo di formare una crepe rotonda e sottile.

Fate cuocere circa 1 minuto per lato, vedrete prima di girarla nel secondo lato quando farà le bolle.

Fate attenzione, solitamente la prima crepe viene sempre male ma poi si procede senza intoppi.

Man mano che si cuociono, trasferitele in un piatto.

 

Consiglio: tenete il latte a portata di mano perché il composto può indurirsi facilmente e vi servirà una piccola aggiunta per ricreare una crema morbida e della giusta consistenza semi liquida per fare le vostre crepes perfette.

Le crepes potete farcirle sia dolci che salate.

Io amo farcirle di formaggi e verdure ( oppure prosciutto) e gratinarle al forno con una spolverata di parmigiano.

Per la merenda sono ideali con un velo di crema di nocciole o marmellata, scaldate al forno a microonde e cosparse di zucchero a velo.

Potete sbizzarrirvi con la fantasia per creare composizioni personalizzate per i gusti dei vostri commensali.

 

Conservazione:

Conservate in frigorifero e consumatele entro 1 giorno. Le crepe si possono congelare dopo la cottura: basterà disporle una sopra l’altra e, tra una crespella e l’altra, inserire un foglio di carta forno e infine avvolgerle con pellicola. Prima di utilizzare la quantità desiderata sarà sufficiente lasciarle scongelare per poi farcirle a piacere.

Alternativa:

Potete sostituire la farina di riso con la farina di grano saraceno o creare un vostro mix di farine preferite. Potete farcire le crepe come più gradite, per servirle a colazione con confetture o creme dolci oppure come antipasto con salumi o altre preparazioni salate.

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
Ultimi post

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terzi. Cliccando su accetto acconsenti all'utilizzo dei cookie Accetto Privacy Policy

Privacy & Cookies Policy