Home Tags Posts con tag "brodo"

brodo

un piatto di risotto con aspargi, sullo sfondo una ciotola con formaggio grattugiato, delle erbe e di lato una forchetta e un cucchiaio

Oggi vi spiego il risotto con bruscandoli e germogli, un primo piatto dal gusto delicato, che fa parte della tradizione e  che nasce dalla bellezza di andar per erbe.

Se in primavera vi aggirate per le campagne venete potrete imbattervi in molte erbe spontanee e germogli, ottimi da cuocere e mangiare.

Se amate la campagna, i sapori nostrani, quelli della tradizione non potete che adorare questi piatti veneti che profumano di casa e tavola in festa.

Quel profumo che sa di famiglia, di ricordi per me… perché andar per erbe o germogli, resta una di quelle attività campagnole che fan bene non solo alla pancia ma anche allo spirito.

Oggi in particolare parliamo di bruscandoli, ovvero il luppolo, che cresce soprattutto qui nel nord d’Italia e si trova principalmente lungo i fossi, nei campi incolti o nei boschi.

Per fare questo risotto misto, ho abbinato i bruscandoli al tamaro ( in dialetto veneto ligabosco o tambar) e agli asparagi selvatici.

Ma torniamo alla ricetta e vediamo come preparare questo primo piatto della tradizione.

Se amate le ricette tipiche non perdetevi le ricette di :

risi e bisi

le verze in tecia

” Le fritole

“la polentina zala de Cittadella

i zaeti

la torta putana

un piatto di risotto con aspargi, sullo sfondo una ciotola con formaggio grattugiato, delle erbe e di lato una forchetta e un cucchiaio

risotto con bruscandoli e germogli

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • ingredienti per 6 persone :
  • 500 g circa di bruscandoli e germogli,
  • 500 g di di riso carnaroli,
  • un litro di brodo vegetale,
  • una cipolla,
  • olio extra verdine d’oliva,
  • grana grattugiato,
  • 50 g di burro ( facoltativo per mantecatura)

Procedimento

Lavate gli asparagi selvatici e i germogli di pungitopo, luppolo e tamaro.

Tagliateli a pezzetti lunghi circa 3 centimetri.

Fate un soffritto con la cipolla nel tegame e a parte fate bollire il brodo vegetale.

Fate rosolare gli asparagi e i germogli qualche minuto.

Aggiungete il riso carnaroli e lasciate rosolare assieme per 3 minuti, quindi procedete alla cottura aggiungendo gradualmente il brodo vegetale.

Ultimate la cottura del riso lasciandolo morbido all’onda.

Mantecate col formaggio grana o parmigiano reggiano e a piacere una noce di burro buono.

Servite caldo.

 

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
un piatto di minestra su un tavolo di legno e sullo sfondo una zuppiera, un mestolo e un cucchiaio

La zuppa imperiale per me significa Natale perché è il classico primo piatto che viene servito a casa mia durante le feste.

Pratico, facile da preparare anche in anticipo, gustoso e non troppo pesante.

Questa minestra speziata piace davvero a tutti, dai grandi ai più piccoli.

Si prepara impastando gli ingredienti in una ciotola unica, amalgamando bene  uova, grana padano o parmigiano, il burro fuso, la farina e una abbondante spolverata di noce moscata.

Dopo averlo lavorato bene si fa cuocere in una pirofila, foderata da carta forno e il profumo che sprigionerà sarà davvero delizioso.

Si cuoce come fosse un pane morbido, per circa 40 minuti.

Il panetto se si desidera, si può impastare e cuocere qualche giorno prima e i quadretti che si ottengono si possono lasciare riposare in frigo.

Io solitamente ne preparo una dose doppia perché adoro fare dei sacchettini di quadretti da tenere in freezer, pronti da tuffare nel brodo vegetale bollente come salva cena.

La zuppa imperiale profuma di noce moscata e grana padano, per questo non serve aggiungere altro al piatto quando si serve.

È un impasto molto ricco, quindi si abbina preferibilmente ad un brodo vegetale.

Portatelo in tavola bollente, magari in una bella zuppiera di famiglia.

Vi aspetto nei commenti.

 

E se vi piacciono le mie ricette delle feste non perdetevi:

ciambella all’arancia vestita a festa”,

nocciole pralinate” ,

biscotti speziati”,

tronchetto di Natale”   e tante altre nella sezione “idee per Natale”.

Sbirciate anche nella sezione “biscotti” e ” dolci delle feste”

un piatto di minestra su un tavolo di legno e sullo sfondo una zuppiera, un mestolo e un cucchiaio

zuppa imperiale

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • Ingredienti per 4/6 persone:
  • 150 g di parmigiano,
  • 150 g farina mix senza glutine per pane,
  • 70 g burro fuso,
  • 3 uova intere,
  • noce moscata in polvere ( a gradimento, io ne metto mezzo cucchiaino per questa dose)
  • un litro e mezzo di brodo

Procedimento

Preriscaldate il forno a 170 gradi in modalità ventilata.

In una ciotola mettete il formaggio, il burro fuso e le uova.

Amalgamate bene e aromatizzate con noce moscata.

Unite la farina mix per pane senza glutine e impastate bene fino ad ottenere un composto omogeneo.

Versatelo in una teglia rettangolare circa 20 x 30 cm livellando la superficie.

Cuocete per circa 45 minuti

Lasciate raffreddare completamente a forno spento.

Quanto il vostro panetto sarà ben freddo, tagliatelo prima a striscioline e poi a cubetti piccoli poco meno di centimetro.

Scaldate il brodo.

Al bollore tuffate i vostri quadretti e lasciateli cuocere qualche minuto.

Spegnete la fiamma e lasciate riposare un po’ prima di servire la vostra minestra.

Non serve aggiungere altro.

 

Idea per l’impiattamento: l’ideale è servirla in una vecchia zuppiera da portare in tavola

0 commento
2 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terzi. Cliccando su accetto acconsenti all'utilizzo dei cookie Accetto Privacy Policy

Privacy & Cookies Policy
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.