Home Tags Posts con tag "frolla"

frolla

visione dall'alto di una crostata a forma di uovo, con tanta frutta fresca sopra e a lato delle uova colorate decorate, rami di ulivo, un coltello vintage e delle fragole su una ciotola

La settimana santa comincia con qualche idea da realizzare per le nostre tavole in festa. Tavole magari un po’ più semplici, meno affollate ma sicuramente non meno belle perché dobbiamo circondarci sempre di speranza e meraviglia. Ecco quindi un dolce simpatico e super colorato da servire: la crostata uovo.

L’idea è di Natalia Cattelani, che ha realizzato una sfoglia coperta di crema al cioccolato bianco.

La mia segue i gusti di famiglia, quindi un guscio di frolla al burro, senza glutine, coperto di freschissima crema al cacao profumata al rum.

Per la decorazione di frutta fresca ho scelto fragole, mirtilli e kiwi accontentando le preferenze di casa. Se amate le crostate non perdetevi le ricette nella sezione : frolle e crostate

crostata di frutta con crema al cioccolato ” ,

crostata di ricotta

crostata morbida di frutta

crostata cheesecake”

 

 

visione dall'alto di una crostata a forma di uovo, con tanta frutta fresca sopra e a lato delle uova colorate decorate, rami di ulivo, un coltello vintage e delle fragole su una ciotola

crostata uovo

Stampa
Tempo di preparazione:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • frolla al burro :
  • 1 uovo,
  • 100 g burro,
  • 50 g zucchero,
  • 50 g miele,
  • buccia grattugiata di un limone,
  • 250 g mix dolci gluten free oppure mix per frolla gluten free ( io ho usato @nutrifree)
  • Crema facile al cacao:
  • Ingredienti per la crema:
  • 2 uova,
  • 50 g amido di mais,
  • 2 cucchiai abbondanti di cacao amaro in polvere,
  • 100 g zucchero,
  • un cucchiaio di rum,
  • 500 g di latte.
  • Decorazione:
  • frutta fresca a piacere

Procedimento

Prepariamo la frolla:

Io adoro impastare la frolla a mano, ma se desiderate potete realizzare l’impasto in una planetaria o in un mixer.

Iniziate lavorando il burro con lo zucchero in una ciotola capiente.

Aggiungete poi l’uovo e la buccia grattugiata del limone o un aroma a piacimento.

Unite la farina e impastate la frolla velocemente in modo da ottenere un panetto compatto.

Stendetela direttamente sulla carta forno, leggermente spolverata da farina di riso.

Fate la forma a uovo aiutandovi con un cartamodello realizzato con la carta forno se non siete pratiche.

Bucherellate la pasta frolla con una forchetta in modo che in cottura non si alzi.

Vi suggerisco di cuocere l’uovo di frolla con un foglio di carta forno anche sulla superficie, fermato con dei fagioli secchi.

La pasta frolla cuoce nella teglia del forno a 180 gradi per circa 20 minuti, modalità ventilata, forno preriscaldato.

Dopo la cottura lasciate raffreddare completamente prima di toglierlo dalla piastra del forno, per evitare che si rompa.

 

Mentre cuoce il guscio di frolla, prepariamo la crema.

Sbattete a parte in una ciotola con la frusta, le uova con lo zucchero a velo e unite la buccia di limone grattugiata o un cucchiaio di rum.

Aggiungete la farina e il cacao al composto di uova mescolando.

A parte scaldate il latte in un pentolino.

Incorporate il latte molto caldo nella ciotola del composto, continuando ad amalgamare con la frusta per evitare la formazione di grumi.

Trasferite tutto il composto nel pentolino e procedete con temperatura moderata mescolando, senza far bollire, fino a quando si addensa. 

A crema pronta, versatela e coprite il vostro guscio di frolla raffreddato.

 

Consiglio: versate la crema un po’ per volta e se è troppa per il vostro guscio di frolla, tenete da parte come dessert al cucchiaio.

 

Quando la crema sarà tiepida, si può procedere con la decorazione di frutta fresca.

Io ho scelto fragole, mirtilli e kiwi ma ovviamente ognuno può scegliere a proprio gusto e magari con l’aggiunta di qualche biscotto se vi è avanzata della frolla.

La crostata uovo si conserva in frigo per qualche giorno.

Per chi non ama la crema al cacao, può realizzarla  bianca senza l'aggiunta nella preparazione del cacao in polvere.

Come aroma potete sostituire il rum con vanillina o buccia di limone grattugiato.

 

Vi aspetto nei commenti e come sempre nella mia pagina Instagram.

Buona Pasqua !

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
una crostata con dei fichi posata su carta forno, sipra un tavolo di legno, vista per metà e dall'alto con un coltello di fianco

La frolla: odio e amore da quando son stata diagnosticata. Il mio punto debole però è diventato il mio punto forte e nessuna frolla mi fa più paura. Oggi vi insegnerò a fare la frolla agli albumi, ovviamente senza glutine.

Quando ho scoperto d’essere celiaca son stata presa da sconforto e rabbia. Sembrava arrivata come una punizione per complicarmi ancor di più una vita non semplice. Tutti gli impasti che realizzavo prima con semplicità, con le farine senza glutine sembravano immangiabili, o troppo duri, o appiccicosi, pallidi, senza elasticità….

La frolla è sempre stata una sfida. Impossibile da lavorare, friabile e difficile da compattare.

La prima crostata che ho fatto assaggiare ai miei cari si sbriciolava sola a guardarla e ricordo ancora i miei famigliari che mi dicevano “è buona di sapore…solo che bisogna mangiarla con il cucchiaino” ….  Quanti fallimenti prima di arrivare qui, dove son ora.

Le frolle sono diventate il mio divertimento, le cambio ogni volta, le gestisco io come voglio, non mi fanno più paura!

Oggi vi presento una ricettina nuova: una frolla realizzata con gli albumi.

Le migliori ricette nascono sempre dalle esigenze e io avevo un paio di albumi avanzati in frigo.

Questa volta ho usato un mix farina per dolci della schaer.

É una frolla al burro, ottima per realizzare dei biscotti semplici da tenere nella biscottiera ma ideale per fare delle crostate oppure galette di frutta come in questo caso.

Io come sempre ho impastato a mano la frolla, ma potete usare un mixer.

Vi consiglio di lasciare riposare il panetto realizzato in frigorifero avvolto da pellicola, per 15 minuti, prima di lavorarlo.

Ora vediamo la ricetta completa.

Ricordo che nel mio sito trovate tantissime ricette.

Se vi piacciono le frolla e le crostate sbirciate le altre proposte come:

pasta frolla all’olio”,

crostata con crema all’arancia”,

frolla allo yogurt senza glutine”,

tartellette con crema al limone”,

crostata di frutta con crema al cioccolato”,

crostata di ricotta e frutti di bosco”,

crostata cheesecake

una crostata con dei fichi posata su carta forno, sipra un tavolo di legno, vista per metà e dall'alto con un coltello di fianco

frolla agli albumi

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • Per la frolla agli albumi:
  • 2 albumi,
  • 200 g mix dolci schaer,
  • 80 g zucchero semolato o di canna,
  • 60 g burro,
  • scorza di limone grattugiata.
  • Per la farcia:
  • biscotti sbriciolati oppure del pan grattato.
  • 3 cucchiai di marmellata a piacimento (meglio se di fichi),
  • una decina di fichi piccoli.

Procedimento

Lavorare il burro con lo zucchero.

Aggiungere i 2 albumi e un po’ per volta la farina mix dolci senza glutine  aromatizzata con la scorza grattugiata di limone. ( io ho usato Schaer) .  

Impastare o a mano o nel mixer fino a quando il composto diventa compatto.

Passare sulla spianatoia infarinata (io infarino sempre con farina di riso) per ottenere un panetto omogeneo e morbido.

Avvolgere il panetto nella pellicola e lasciarlo riposare in frigo per 15 minuti.

Trascorso il tempo accendere il forno a 180 gradi.

Stendere la frolla agli albumi su un piano infarinato (io solitamente la tiro direttamente sulla carta forno).

Infarinare bene anche il mattarello.  Stendere a cerchio ma non serve sia perfetto, il bello delle gallette è proprio la sua forma rustica e irregolare.

Cospargere un po’ di biscotti sbriciolati sul fondo e una due e 3 cucchiai di marmellata di fichi.

Disporre i fichi a raggiera e chiudere i bordi verso l’interno.

Spolverate con un paio di cucchiai di zucchero semolato o di canna prima di infornare.

Cuocete a 180 gradi per circa 25, 30 minuti fino a quando vedrete la frolla imbiondire.

Lasciate intiepidire prima di toglierla dalla placca del forno.

 

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
una fetta di torta con frutta in primo piano, sullo sfondo la torta tagliata e tanti frutti sopra.

Non sapevo come chiamare questa torta e nemmeno se posizionarla del settore crostate o nel settore torte delle feste….  Alla fine ho deciso di chiamarla crostata cheesecake perché è formata da un guscio di frolla all’olio con un ripieno di freschissima crema frosting.

Un ottimo inizio per una nuova settimana che si apre con temperature torride….

Anche questo giorno per me è cominciato all’alba, mentre tutti dormivano….

Come sempre son partita con il mio cellulare, le cuffiette , indossando i pantaloncini, un top e l’immancabile sorriso.

Il giro che faccio è sempre lo stesso, tra bosco, stradine di paese, una piazza, i campi, i vigneti.

Conosco tutto, potrei farlo ad occhi chiusi schivando anche le buche.

Le campane e le cicale in questo periodo mi fanno da sottofondo…. Ah la mia amata campagna…

Si torna a casa sicuramente rigenerati, con la voglia di farsi una bella doccia e condividere una colazione con la mia famiglia…

Le colazioni adesso si gradiscono fresche, quindi ho deciso di preparare in anticipo ieri, questa crostata cheesecake.

Non pensate sia difficile: si prepara con pochi ingredienti e poi ci vogliono solo 20 minuti di forno per il guscio di frolla.

La crema va montata con le fruste elettriche il tempo che basta a farla rassodare.

Questa torta è un successo anche portata in tavola nei giorni di festa, decorata come più vi piace e con tanta frutta fresca.

Ora vi lascio la sceda da stampare e vi spiego i passaggi.

Se vi piacciono le mie crostate fresche vi consiglio anche le mie ricette:

crostata con crema vegana all’arancia

cestini di frolla con crema allo yogurt

tartelle con crema al limone

crostata di ricotta con frutti di bosco”    ….  E tante altre…. Correte a vedere le tante schede!

una fetta di torta con frutta in primo piano, sullo sfondo la torta tagliata e tanti frutti sopra.

crostata cheesecake

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • Frolla all’olio :
  • 300 g farina (in versione glutenfree consiglio un mix dolci oppure mix per frolle ) ,
  • 2 uova,
  • 100 g zucchero,
  • 100 ml olio di semi ( io consiglio sempre quello di mais o di girasole )
  • scorza grattugiata di uno o due limoni. (ottimo anche l’aroma di vaniglia)
  • Per la crema :
  • 200 g di formaggio spalmabile ( Philadelphia),
  • 100 ml di panna liquida da montare,
  • 50 g di zucchero a velo.

Procedimento

Io amo impastare la frolla a mano, ma potete usare anche una planetaria o un mixer.

Cominciate lavorando le uova con lo zucchero.

Aggiungete poi l’olio di semi e la scorza di limone (o l’aroma che desiderate) .

Procedete aggiungendo un po’ per volta la farina e impastate fino ad ottenere un panetto sodo e compatto.

E ora, visto che non ha bisogno di riposo, potete preparate il guscio per la crostata: basterà stenderla con un mattarello sullo stampo.  A bisogno potete infarinare il piano di lavoro con farina di riso.

Io stendo direttamente sopra la carta forno così da facilitare il trasferimento sulla tortiera. ( con la frolla avanzata potete realizzare dei biscottini da cuocere a parte per decorare la vostra crostata oppure da tenere nella biscottiera per merenda e colazione).

Per cuocere il guscio in bianco, bucate con la forchetta il fondo con una forchetta e coprite con un foglio di carta forno fermato da fagioli secchi. Questa operazione servirà a non far gonfiare il guscio.

Infornate il guscio a 180 gradi per circa 20 minuti.

Quando sfornate, lasciate raffreddare completamente la crostata.

Nel frattempo preparate la crema con il formaggio spalmabile, la panna e lo zucchero a velo.

In una ciotola mettete 200 g di formaggio spalmabile ( philadelpia), 100 ml di panna liquida da montare e 50 g di zucchero a velo.

Con le fruste elettriche montate il composto per alcuni minuti, fino a quando non diventa corposo e solido.

Io in questo caso ho aggiunto anche 2 cucchiai di marmellata ai frutti rossi per accompagnare il gusto dei frutti scelti per la decorazione e dare una tonalità leggermente sul rosa.

Versate la crema sul guscio di frolla livellandolo con l’aiuto di una spatola.

Decorate con ribes, more, pesche o frutta a vostro piacere.

Fatela rapprendere un paio d’ore in frigorifero prima di servirla.

Un buon vino dolce frizzante e fresco sarà ideale per accompagnarla.

 

Fatemi sapere !!!

 

 

 

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
crostatine con cioccolato e lamponi, viste in diagonale, posate su un tavolo

Avrei voluto servire all’aperto queste deliziose crostatine con ganache al cioccolato, ed invece stanno arrivando delle nuvole minacciose. Vorrà dire che ci coccoleremo in casa gustandoci questi piccoli capolavori di bontà.

Ho realizzato delle crostatine bianche con una semplice frolla al burro, farcite poi con ganache al cioccolato fondente. I lamponi rossi sono l’abbinamento più indicato con questo tipo di farcia.

La ganache al cioccolato è una ricetta base, semplicissima e veloce! Basta utilizzare ingredienti di qualità, per ottenere una crema al cioccolato squisita. Ottima per decorare e farcire tantissime varianti di dolci ma anche da gustare come dessert al cucchaio.

La ganache é di origine francese e porta questo nome per un errore di manipolazione: un apprendista, infatti, era stato apostrofato dal suo maestro con il nomignolo di ganache (in francese “maldestro”) dopo aver versato, per errore, della panna bollente nel cioccolato. Per cercare di correggere l’errore, l’apprendista cuoco aveva iniziato a mescolare con foga e il composto si rivelò delizioso. Ecco perché si chiamò come il soprannome del suo involontario inventore : ganache!

Se vi piacciono i dolci con la cioccolata vi consiglio anche la mia ricetta “crostata di frutta con crema al cioccolato” oppure “muffins caffè e cacao”. Ottima anche la rustica “torta di zucchine e cacao”.

crostatine con cioccolato e lamponi, viste in diagonale, posate su un tavolo

crostatine con ganache al cioccolato

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • frolla al burro .
  • per la ganache :
  • 300 g di cioccolato fondente,
  • 200 g panna liquida fresca da montare.
  • lamponi freschi e zucchero a velo per decorazione.

Procedimento

Preparate la frolla al burro, o la vostra frolla preferita.

Stendete l’impasto e formate dei cerchi da far aderire a dei piccoli stampi per crostatine.

Cucinateli in bianco per circa 20 minuti.

Intanto preparate la ganache :

spezzettate il cioccolato  fondente ( io solitamente uso il 60 % o 70 %).

Versate in un pentolino la panna liquida insieme al cioccolato e portate a bollore.

Quando vedete che bolle, spegnete il fuoco, allontanate dal fornello e mescolate fino a scioglimento completo. A questo punto potete utilizzare subito la vostra Ganache al cioccolato, versandola ancora tiepida ( non calda)  per  riempire una crostata oppure su cestini e crostatine come nel mio caso.

Con l’aiuto di un cucchiaio mettetene un po’ in ogni cestino di frolla fino a raggiungere quasi il bordo.

Quando si sarà raffreddata totalmente decorate con qualche mirtilli fresco e portate in tavola con una spolverata di zucchero a velo.

Se volete invece farcire e decorare torte, stuccarle, fare decori, riempire bignè dolci, realizzare dolci al bicchiere o altro con la vostra ganache, dovrete aspettare che raggiunga la consistenza giusta.

Lasciate a temperatura ambiente la vostra ganache per circa un paio d'ore e ogni tanto controllate la consistenza.

Non deve indurirsi totalmente, ma deve risultare cremosa, morbida al cucchiaio per entrare in una sac à poche.

Ricordate che se la mettete in frigo perde lucidità. Quindi va tenuta a temperatura ambiente dove potete conservarla qualche giorno. Sia sui dolci che in ciotola.

Con il passare delle ore tende comunque ad indurirsi ed opacizzarsi leggermente, ma resta ugualmente morbida e mantiene la forma.

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
torta tagliata,una fetta posata sul tavolo, qualche goccia di cioccolato sparsa

Questa sbriciolata ricotta e cioccolato è una crostata dal cuore morbido, una coccola per il palato.

È una crostata che racchiude una crema soffice di ricotta e gocce di cioccolato, ricoperta da una sbriciolata di frolla.

Ho scelto di realizzare una frolla senza glutine miscelando farina di riso e farina di mais.

La consistenza è molto friabile, ma si compatta con il burro e se serve basta aggiungere un paio di cucchiai di latte.

Io vi consiglio di usare una farina fioretto che è più sottile. Questa farina non viene molto usata nei dolci, se non miscelata ad altre come in questo caso. Questo perché ha uno scarso potere legante e trattiene con difficoltà i liquidi.

La seconda farina che ho scelto per il mio mix fai da te è la farina di riso, ottima per infarinare ma anche per rendere gli impasti soffici.

La sbriciolata ricotta e cioccolato è ottima per colazione o merenda, ma ideale anche da servire come dolce a fine pasto. Basterà farla riposare in frigo un’ora prima di portarla in tavola e cospargerla in superficie con abbondante zucchero a velo per vestirla a festa.

Semplice, morbida, fresca, golosa piacerà sicuramente a tutti.

 

Se vi piacciono le crostate con la ricotta vi consiglio anche le mie ricette “crostata di ricotta con frutti di bosco“. Buonissima e fresca la ” crostata di frutta con crema al cioccolato“.

torta tagliata,una fetta posata sul tavolo, qualche goccia di cioccolato sparsa

sbriciolata ricotta e cioccolato

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 2 voted )

Ingredienti

  • Per la frolla
  • 150 g farina di riso,
  • 90 g zucchero,
  • 90 g burro a temperatura ambiente,
  • 70 g farina di mais fioretto,
  • 1 uovo,
  • mezzo cucchiaino di bicarbonato,
  • 2 cucchiai di latte (se serve).
  • Per il ripieno
  • 500 g ricotta,
  • 150 g zucchero,
  • gocce di cioccolata fondente,
  • 2 uova.

Procedimento

Lavorate gli ingredienti per la frolla in una ciotola a mano oppure nel mix.

Io in questo caso ho preferito realizzare la frolla nel frullatore: bastano 20 secondi per vedere l’impasto compattarsi.

Tenete il latte da parte e aggiungetelo solo se l’impasto diventa troppo friabile.

Accendete il forno a 180 gradi in modalità ventilata.

In un’altra ciotola mescolate con una forchetta la ricotta insieme ai tuorli, lo zucchero e se vi piace anche un pizzico di cannella in polvere.

Aggiungete a questo composto anche le gocce di cioccolato fondente.

A parte montate gli albumi a neve fermissima con le fruste elettriche.

Aggiungeteli delicatamente al composto di ricotta.

Stendete la frolla aiutandovi con una spolverata di farina di riso.

Io solitamente la stendo già sulla carta forno con la quale poi fodererò la tortiera.

Bucherellate con la forchetta la base.

Versate il ripieno sopra la base.

Con la frolla restante realizzate delle briciole sporcandovi le mani con la farina di riso, in modo da ottenere tutte briciole a coprire la superficie.

Cuocete in forno preriscaldato per 40 minuti a 180 gradi, modalità ventilata.

La cottura sarà ultimata quando vedrete dorare la superficie e sarà soda al tatto.

Lasciate raffreddare completamente la torta nel suo stampo prima di sfornarla.

Ottima se servita fredda: vi consiglio di farla riposare in frigo un’ora prima di servirla agli ospiti.

 

 

 

 

 

0 commento
1 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
crostatine di frolla con dentro le ciliegie, sparse su un tavolo insieme a ciliegie

I cestini di frolla con ciliegie sono il dessert ideale da portare in tavola a giugno. Come resistere alla friabilità e dolcezza della frolla insieme alle gustosissime e colorate ciliegie?

Nell’ultima settimana ne abbiamo raccolte davvero tante: gli alberi questa primavera sono stati molto generosi.

Le ho utilizzate per fare diversi dolci, ho riempito vasetti di marmellata e anche messe sotto grappa. (Potete vedere la ricetta in ” celiachia e alcolici“).

Le ciliegie sono un frutto irresistibile e si adattano a svariate preparazioni. Sono frutti ricchissimi di sostanze benefiche: vitamina A, vitamina C e antiossidanti. Contengono molta acqua, fibre, potassio, sodio e magnesio. Insomma, sono un concentrato di salute oltre che di bontà!  E poi mettono sempre di buonumore con il loro colore acceso.

Oggi però ho deciso di usarle per farcire delle monoporzioni di frolla. Realizzo spesso le tartellette perché son facili,semplici e belle da portare in tavola. Si possono riempire con diverse creme e decorare sempre in maniera diversa. Potete vedere altre varianti in “crostatine di frolla alla ricotta“, ” cestini di frolla con crema allo yogurt” e ” tartellette con crema al limone

Quando in estate si invitano amici preferisco sempre servire il dolce a buffet e questa alternativa è ideale. In abbinata con questi cestini di frolla alle ciliegie vi consiglio uno spumante fresco.

Ma ora vediamo la ricetta!

crostatine di frolla con dentro le ciliegie, sparse su un tavolo insieme a ciliegie

cestini di frolla con ciliegie

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • frolla al burro
  • 1 uovo,
  • 100 g burro,
  • 100 g zucchero,
  • buccia grattugiata di un limone,
  • 250 g mix dolci gluten free oppure mix per frolla gluten free
  • marmellata di ciliegie o frutti rossi
  • ciliegie.

Procedimento

Io adoro impastare la frolla a mano, ma se desiderate potete realizzare l’impasto in una planetaria o in un mixer.

Iniziate lavorando il burro con lo zucchero in una ciotola capiente.

Aggiungete poi l’uovo e la buccia grattugiate del limone o un aroma a piacimento.

Aggiungete la farina e impastate la frolla velocemente in modo da ottenere un panetto compatto.

Stendete la frolla con il mattarello sulla spianatoia cosparsa da farina e con una taglia biscotti grande a forma di fiore o rotondo, create le forme. Ponete la frolla delicatamente su pirottini di alluminio o di silicone come faccio io ( per queste preparazioni uso sempre quelli in silicone comprati da ikea ) .

Cercate di dare la forma di cestino, aiutandovi delicatamente con le dita all’interno dello stampino.

Lavate le ciliegie e privatele del nocciolo.

Mettete nel fondo di ogni cestino un cucchiaino di marmellata alle ciliegie o frutti rossi.

Ultimate con delle ciliegie tagliate a metà e prive di nocciolo, fino ad arrivare all’orlo.

Infornate a forno preriscaldato a 180 gradi per circa 20 minuti.

Trascorso il tempo, quando vedete dorare la frolla, spegnete il forno e lasciate raffreddare prima di togliere i cestini dagli stampini.

Potrete servire i vostri fiorellini ripieni di ciliegie con una leggera spolverata di zucchero a velo.

Un buon spumante fresco sarà l’accompagnamento ideale per questo dessert estivo.

 

 

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
una fetta di crostata con ricotta e frutti rossi in primo piano, sullo sfondo sul tavolo la torta tagliata.

Arriva giugno e le tavole son belle preparate all’aperto: semplici e senza fronzoli. La meraviglia di finire un pranzo o una cena con un dolce fresco ma non complicato. Una crostata rustica è ideale perché non implica una preparazione difficile e sicuramente delizia tutti, compresi gli ospiti celiaci. Oggi vi consiglio una crostata di ricotta e frutti di bosco.

Ho scelto una frolla al burro, perché resta morbida e si sposa bene con la consistenza della ricotta. La dose è abbondante ma l’eccesso mi è servito per preparare dei biscotti frollini per la colazione.

La frolla si può conservare benissimo in frigorifero, avvolta da pellicola per qualche giorno, oppure si può anche congelare per 2 mesi.

Per questa crostata ho scelto di usare dei frutti rossi surgelati, ma volendo potete benissimo disporre sopra la ricotta dei frutti di bosco freschi.

La crostata di ricotta ai frutti di bosco è un dolce che va servito freddo, quindi vi consiglio di tenerla un’ora in frigo prima di servirla per ottenere anche un taglio perfetto delle fette.

Ora non ci resta che prendere gli ingredienti necessari, una ciotola e una forchetta.

Se vi piacciono le crostate potete vedere anche le ricette : “crostata di frutta con crema al cioccolato ” , “crostata con crema vegana all’arancia” oppure le monoporzioni come “crostatine con frolla alla ricotta” o “tartellette con crema al limone” .

Provate le mie ricette e fatemi sapere !!!

una fetta di crostata con ricotta e frutti rossi in primo piano, sullo sfondo sul tavolo la torta tagliata.

crostata di ricotta con frutti di bosco

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • Per la frolla
  • 300 g mix dolci,
  • 1 uovo e un tuorlo,
  • 150 g burro,
  • 100 g zucchero,
  • 1 cucchiaino di bicarbonato,
  • buccia grattugiata di un limone.
  • Per la farcia
  • 500 g ricotta vaccina,
  • 4 cucchiai di zucchero.
  • Copertura di frutti di bosco surgelati oppure freschi

Procedimento

Preparate la frolla lavorando velocemente il burro freddo con lo zucchero e la buccia grattugiata.

Aggiungete l’uovo e il tuorlo e alla fine la farina mix dolci con il cucchiaino di bicarbonato (in alternativa va benissimo anche un cucchiaino di lievito dolci).

Io impasto la frolla a mano, ma potete usare un mixer oppure la planetaria.

Se resta troppo morbida aggiustate di farina e poi avvolgete l’impasto con la pellicola.

Lasciatela riposare in frigo 30 minuti prima di usarla.

Prendete una ciotola per lavorare la ricotta con lo zucchero. Basterà usare una forchetta per miscelarla bene.

Trascorso il tempo di riposo stendete la frolla della grandezza della vostra tortiera: io ho usato uno stampo da 26 cm foderato da carta forno.

Sicuramente avrete un po’ di esubero di pasta frolla: usatelo per creare dei biscotti oppure potete usarlo per fare le striscioline se preferite una crostata tradizionale.

Creato il guscio, disponete la farcia di ricotta e zucchero e in superficie i frutti rossi surgelati.

Infornate a forno preriscaldato a 180 gradi per circa 30 minuti.

 

Lasciatela raffreddare completamente prima di sfilarla dallo stampo.

Tenetela in frigorifero per un’ora prima di servirla per facilitare il taglio.

Spolveratela con zucchero a velo.

 

0 commento
2 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
crostata di mirtilli e lamponi su un tavolo di legno, con qualche lampone e mirtillo posato e della lavanda

La crostata è un altro dolce tipico italiano, probabilmente il più antico, basato su un impasto di frolla. Può essere farcita di marmellata, ricotta, crema o frutta fresca e ne esistono tantissime varianti. Io oggi vi propongo in versione gluten free una crostata di frutta con crema al cioccolato.

Ho scelto una frolla all’olio perché riesco a manipolarla meglio nelle preparazioni in bianco dei gusci, malgrado la farina senza glutine resta elastica, facilmente lavorabile e friabile poi all’assaggio. Ovviamente in questa frolla, e in tutte le preparazioni dolci, uso un olio di semi per non alterare il gusto degli altri componenti. Aromatizzate l’impasto come più vi piace, io adoro sempre aggiungere della buccia grattugiata di agrumi o se la frolla è al cioccolato un cucchiaino di rum.

La crema è semplice, morbida e al cioccolato. Facile e veloce da fare sia in versione bianca, sia con l’aggiunta del cacao amaro in polvere come ho fatto io in questa preparazione.

Come copertura ho optato per lamponi e mirtilli, abbelliti da salvia fresca raccolta nel mio angolino di piante aromatiche in giardino. Il profumo della salvia si abbina perfettamente a quello del cioccolato…

Cliccate “frolla all’olio” per realizzare la base.

Se desiderate invece cambiare frolla potete sbirciare la mia “frolla allo yogurt” oppure la classica frolla al burro che trovate nella preparazione delle “tartellette”.

Ma ora cominciamo ad impastare!!!

crostata di mirtilli e lamponi su un tavolo di legno, con qualche lampone e mirtillo posato e della lavanda

crostata di frutta con crema al cioccolato

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • Ingredienti per la base:
  • frolla all'olio vedi ricetta “frolla all’olio”
  • Ingredienti per la crema:
  • 2 uova,
  • 50 g amido di mais,
  • 2 cucchiai abbondanti di cacao amaro in polvere,
  • 100 g zucchero,
  • buccia grattugiata di un limone oppure un cucchiaino di rum,
  • 500 g di latte.

Procedimento

Preparare la frolla lavorando velocemente gli ingredienti.

Io impasto a mano ma potete amalgamare gli ingredienti nel mixer, fino ad ottenere un impasto compatto.

Terminate sempre la lavorazione della frolla sul piano di lavoro infarinato.

La frolla all'olio non abbisogna di riposo in frigo ma potete usare per questa ricetta la vostra frolla preferita.

Stendete la frolla a base della tortiera, tenendo un bordo di circa 2 cm oppure decorandolo con delle formine di biscotti tutto intorno come ho fatto io.

Punzecchiate con la forchetta la base e coprire con carta forno e qualche legume secco per farla restare ferma.

Cuocete in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 20 minuti.

Mentre cuoce il guscio di frolla, prepariamo la crema.

Sbattete a parte in una ciotola con la frusta, le uova con lo zucchero a velo e unite la buccia di limone grattugiata o un cucchiaino di rum.

Aggiungete la farina e il cacao al composto di uova mescolando.

A parte scaldate il latte in un pentolino.

Incorporate il latte molto caldo nella ciotola del composto, continuando ad amalgamare con la frusta per evitare la formazione di grumi.

Trasferite tutto il composto nel pentolino e procedete con temperatura moderata mescolando, senza far bollire, fino a quando si addensa. 

A crema pronta, versatela e coprite il vostro guscio di frolla raffreddato.

Fate riposare la crostata in frigo qualche ora prima di decorarla con la frutta.

Io ho scelto dei lamponi e dei mirtilli, alternandoli con delle foglie di salvia.

 

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
una finestra con sotto una teiera,dei fiori,una tazza di the, delle crostatine decorate

La frolla è stata amore e odio nella mia nuova vita da celiaca. Ma a distanza di tempo e dopo svariati esperimenti, impasti sbagliati, crostate scomposte e biscotti immangiabili, dopo 10 anni posso dire che la frolla è diventata il mio cavallo di battaglia. E queste crostatine con frolla alla ricotta senza glutine e senza burro ne sono un esempio.

Negli anni ho sperimentato qualsiasi tipo di frolla e chi segue il mio profilo Instagram sa benissimo quante ne abbia proposte finora. Un po’ alla volta ve le metterò anche qui nel blog, come ho fatto per la “frolla allo yogurt” , la “frolla all’olio” e una classica “ frolla glutenfree al burro”.

Oggi intanto vediamo come realizzare questa delizia alla ricotta senza burro e senza glutine per chi è intollerante, celiaco come me o sensibile al glutine.

Come sempre nelle mie ricette servono pochi ingredienti, mani in pasta, una ciotola con un cucchiaio e fondamentale tanta passione e amore da dosare in gran quantità in ogni ricetta!

Vi consiglio di leggere i miei articoli nella “vita da celiaca

Pronti?

Cominciamo ….

una finestra con sotto una teiera,dei fiori,una tazza di the, delle crostatine decorate

crostatine con frolla alla ricotta

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 150 g di ricotta vaccina,
  • 150 g di zucchero semolato,
  • 1 uovo e un tuorlo,
  • 300 g di farina ( io consiglio un mix per frolla senza glutine oppure un mix per dolci senza glutine, per chi non è celiaco nella stessa quantità può usare una farina di frumento ) .
  • Buccia grattugiata di un limone o un aroma a vostro piacimento.
  • Per la farcia delle crostatine potete usare marmellata o confettura.

Procedimento

Prendete una ciotola capiente e con una forchetta o un cucchiaio da cucina cominciate a lavorare la ricotta con lo zucchero, l’uovo e il tuorlo. Unite setacciando la farina e l’aroma che avete scelto ( io amo aggiungere sempre la buccia di un limone grattugiato ). 

Appena l’impasto diventa consistente, passatelo sulla spianatoia spolverata di farina di riso e lavoratelo velocemente con le mani.

Formate un panetto e avvolgetelo nella pellicola.

Fatelo riposare in frigo per 30 minuti prima di usarlo per le vostre preparazioni.

Trascorso il tempo accendete il forno a 170 gradi , prendete il panetto e stendetelo con un mattarello sul piano infarinato.

Potete realizzare dei biscotti con le vostre forme preferite oppure come ho fatto io delle mini crostatine di marmellata di albicocca da infornare su piccole teglie per crostate, imburrate e infarinate.

In questo caso dovete realizzare dei gusci della misura delle mini formine, farcire con la marmellata o confettura scelta e coprire con decorazioni di frolla usando dei taglia biscotti. Io ho creato dei fiorellini e delle foglioline.

Le ho informate circa 20 minuti a 170 gradi.

Il consiglio è sempre quello di aspettare che si raffreddino prima di toglierle dalle piccole teglie.

Servitele su un tagliere rustico, spolverate da zucchero a velo. accompagnate da un buon the sono una merenda  o colazione ideale.

 

0 commento
0 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
biscotti a forma di fiore posati su un tavolo di legno, sullo sfondo dei fiori rosa,una brocca e una tazzina

Una diagnosi per rifiorire…

 

Scopro che cos ‘ho.

Imparo ad affrontarlo.

E rinasco.

 

Dopo una diagnosi, qualunque essa sia, ci si trova sempre smarriti.

Non si sa come affrontarla, sembra arrivata per rivoluzionare i nostri equilibri.

Ma una diagnosi può anche essere salvezza, un nuovo inizio, un rifiorire…

Capire cosa ci fa star male è necessario per riprendere in mano la nostra vita e migliorarla.

Una diagnosi è finalmente dare un senso a tanti sintomi e far luce per un nuovo percorso in un futuro migliore.

 

Nel caso della celiachia la diagnosi arriva dopo esami istologici e gastroscopia, che attesta l’atrofizzazione dei villi intestinali.

Un neo diagnosticato ha diritto a una esenzione e all’erogazione di buoni mensili.  ( vedi articoli precedenti)

cos’è la celiachia” 

Ma soprattutto un neo diagnosticato ricomincia a star bene.

 

Le difficoltà che potrebbero sorgere ad un neo diagnosticato celiaco coinvolgono sia la sfera privata che le relazioni con gli altri. La malattia infatti potrebbe non essere accettata subito e vissuta come una pesantezza che ci sconvolge la vita per sempre, ci obbliga a non mangiare come gli altri in leggerezza ma in maniera particolare.

Ci fa sentire diversi dagli altri anche se è un morbo molto diffuso nella nostra comunità.

Inoltre, amici e parenti possono mostrare poco tatto alla nostra condizione, per esempio mangiando in nostra presenza cibo a noi proibito, sottovalutando il problema, magari non avendo la giusta informazione  o facendo poca attenzione alle accortezze igieniche che occorre osservare per evitare contaminazioni ( vedi articolo riguardo le contaminazioni).

 

Nel mio caso, dopo anni di sofferenza, di lotte con il peso, di malesseri senza motivo, emicranie, spossatezza, malumori, gonfiori, diarree improvvise: la diagnosi è stata un sospiro di sollievo.

Quel traguardo che superi stanca, felice per averlo raggiunto ma che allo stesso tempo fa anche tanta paura.

Si, io nel primo periodo l’ho odiata tanto anche io la mia celiachia. Era arrivata come una punizione per tutte le ore che passavo a panificare, a sfornare pan brioches, pizze…

Sembrava essere arrivata per rendermi la vita difficile, già complicata con una squadra di bimbi piccoli…. 

 

I cambiamenti nello stile di vita interferiscono non poco con la vita sociale.

Ma poi son rifiorita.

Perché quando inizi a star in salute, rifiorisci e sei più bella di prima. Arriva l’energia, la grinta, la voglia di superare tutto.

 

La celiachia mi ha insegnato che rifiorire è rinascere con maggiore forza.

Celiachia per me significa una lotta continua con contaminazioni, impasti difficili, paure d’uscite in posti non idonei, a volte la stanchezza di dare spiegazioni, la pianificazione accurata di viaggi e sicuramente un bagaglio in più per mi miei snack di salvataggio….

Ma significa anche opportunità, nuova vita e insegnamento su tanti fronti.

Celiachia significa condivisione con voi.

Per me la celiachia è stata un nuovo inizio davvero.

La mia rinascita.

 

Qualunque diagnosi nella vita dobbiate accettare, datevi l’occasione di rifiorire.

Oggi come simbolo vi offro dei fiori di frolla al burro.

 

Volendo potete realizzarli anche con la “frolla all’olio” .

biscotti a forma di fiore posati su un tavolo di legno, sullo sfondo dei fiori rosa,una brocca e una tazzina

una diagnosi per rifiorire

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

  • 1 uovo,
  • 100 g burro,
  • 100 g zucchero,
  • 200 g di farina mix frolle oppure mix dolci glutenfree
  • 1 cucchiaino di cacao amaro in polvere per realizzare la frolla al cacao

Procedimento

Potete realizzare la frolla al mixer oppure a mano come faccio io.

Lavorate velocemente burro e zucchero.

Aggiungete l’uovo e alla fine la farina.

Terminate di lavorare la frolla sulla spianatoia e a bisogno aggiungete un po’ di farina.

Togliete un terzo dell’impasto per realizzare la frolla al cacao, aggiungendo un po’ di cacao amaro in polvere. Questa parte servirà per realizzare il centro del fiorellino.

Potete lasciare le frolle riposare mezz’ora in frigo ,avvolte da pellicola, per poi lavorarle meglio.

Realizzate delle piccole palline con le due frolle.

Mettete al centro una pallina al cacao e intorno le cinque palline chiare.

Con l’aiuto di un bastoncino di legno segnate leggermente l’interno di ogni petalo: servirà per unirli al centro e per realizzare una forma più carina.

Ponete i fiori sulla placca del forno coperta da carta forno e cuoceteli in forno già caldo a 180 gradi per circa 15  minuti.

Lasciateli raffreddare prima di toglierli dalla placca del forno.

 

Un piccolo simbolo per non scordarsi di rifiorire sempre….

 

0 commento
1 FacebookPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponLINEEmail
Ultimi post

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terzi. Cliccando su accetto acconsenti all'utilizzo dei cookie Accetto Privacy Policy

Privacy & Cookies Policy