Home Vita da celiaca come gestire le contaminazioni di glutine dentro casa

come gestire le contaminazioni di glutine dentro casa

da Monica Bellin
un tavolo di legno con un cesto di mele e sullo sfondo un armadio con dei barattoli di farine

Oggi vi condivido un pezzetto del mio ultimo libro dove specifico in maniera sintetica e pratica come gestire le contaminazioni di glutine dentro casa.

Quando arrivò la mia diagnosi per morbo celiaco a vita, non la presi molto bene. Ero disorientata, arrabbiata, spaventata ma anche stanca di star male da anni. Quel gennaio 2012, dopo le biopsie mi diedero il foglio con il nome della malattia fantasma che da anni mi faceva star male senza che nessuno capisse il motivo. Non conoscevo la celiachia, ero ignara delle problematiche che possono causare anche le piccole contaminazioni. Ricordo il blocco dei primi mesi, nei quali mangiavo solo confezionato per il terrore di contaminarmi e star male.

Essere l’unica celiaca in una famiglia numerosa significava sentirsi un problema. Ero come bloccata. A disagio. Poi ha prevalso il buon senso. Vedendo il mio corpo star meglio ho capito che dovevo impegnarmi per volermi bene. Stavo rinascendo e io desideravo utilizzare al meglio la mia nuova energia! Perché quando inizi a star in salute, rifiorisci e sei più bella di prima. Arriva la forza, la grinta, la voglia di superare tutto.

Ho riorganizzato la cucina, ho rivoluzionato la dispensa, ho creato degli spazi miei, ho studiato, ho sperimentato, ho insegnato a chi mi era intorno come gestire la cucina senza rischi per me, ho cominciato nuovamente ad impastare: prima con i mix industriali e poi con le farine naturali.

Dopo qualche anno ho aperto questo blog e condiviso le prime ricette, i consigli, il mio mondo.

Ho iniziato a sentirmi utile per una buona causa. Avevo il desiderio forte e la volontà di sensibilizzare, di dimostrare che si può cucinare bene senza glutine ma in maniera naturale con le farine alternative in purezza. Ho collaborato con riviste, tante aziende e scritto libri.

 La celiachia significa lotta continua alle contaminazioni, impasti difficili, paura di uscire in posti non idonei e a volte stanchezza di dare spiegazioni a chi sottovaluta il problema. Ma significa anche opportunità, nuova vita e insegnamento su tanti fronti. Dopo la mia diagnosi per celiachia ho dovuto rivoluzionare la mia cucina, la mia spesa e la mia dispensa. Il cambiamento se all’inizio mi ha spaventata, poi è diventato la chiave di volta che mi ha resa più forte. I celiaci devono seguire una dieta priva di glutine per tutta la vita. Devono evitare ogni minima contaminazione anche se asintomatici.

Vi elenco alcuni punti fondamentali per organizzare il vostro spazio glutenfree senza pericolo di contaminazione. Le regole fondamentali sono pulizia, buon senso e organizzazione.

•          Sia in cucina che in dispensa, disponete i prodotti senza glutine in spazi dedicati e separati da quelli che contengono glutine. Sarà più semplice trovarli e conservarli in esclusiva. Sarà il vostro angolo speciale!

•          Eliminate le farine glutinose, sono volatili e pericolose. Dopo la mia diagnosi, anche se cucino misto per la mia famiglia, ho preferito tenere in cucina esclusivamente e solo le polveri glutenfree. Conservo le farine in contenitori ermetici di vetro, etichettati. Le farine non amano le luci, le alte temperature e l’umidità quindi hanno un’anta della cucina a loro dedicata. È tutto più ordinato e bello anche da vedere!

•          Pulite con attenzione tutte le superfici e gli utensili, prima di cominciare a cucinare. Preferite piani, stoviglie e utensili in materiali facili da pulire, come vetro e metallo. Oppure utilizzateli esclusivamente per i vostri alimenti. Legno e plastica sono materiali porosi, meglio non usarli.

•          Setacci, grattugia e altri piccoli utensili difficili da pulire, vanno lavati in lavastoviglie o per sicurezza è consigliabile averli esclusivi per la cucina senza glutine.

•          Quando cucinate gli alimenti glutenfree devono essere in pentole o padelle divise dal resto per non rischiare la contaminazione.

•          Mai stancarsi di lavarsi le mani (dovrebbe essere una buona regola generale): nella cucina glutenfree è fondamentale per evitare contaminazioni da glutine se si toccano altri alimenti.

•          Evitate il tostapane classico. Meglio averne uno esclusivo per la cucina glutenfree.

•          In forno è meglio fare una cottura separata in diversi tempi oppure se si deve fare una cottura mista proteggete gli alimenti con carta forno o carta alluminio e cucinate le pietanze glutenfree nella parte alta e quelle glutinose in basso.

•          Spezie, zucchero e sale non si prendono mai con le mani: usate un dosatore o un cucchiaio.

•          Burro, prodotti da spalmare, sottaceti, salse non devono essere contaminate.

•          Dolcificanti, zucchero a velo, lievito istantaneo devono essere certificati.

•          Tutte le farine naturali senza glutine e gli amidi che comprate devono essere sicure, riportare la spiga barrata o la dicitura glutenfree.

•          In tavola assicuratevi di usare stoviglie separate per servire gli alimenti senza glutine. È fondamentale anche star attenti che briciole o mani sporche di glutine non vadano a contatto con il cibo glutenfree.

•          Non usate prodotti artigianali o confezionati di cui non conoscete l’esatta composizione.

Nel mio libro “Senza Glutine con amore” potete trovare tanti consigli per gestire le contaminazioni da glutine in ogni occasione, come durante le gite fuori porta, il momento della merenda e soprattutto e come gestire le contaminazioni fuori casa.

Vi aspetto nella mia pagina Instagram “Monica creazioni senza glutine “dove giornalmente condivido consigli e ricette con le farina naturali senza glutine!

Grazie a chi fa parte già delle mia community perché senza di voi non avrei potuto sensibilizzare e parlare del mio mondo senza glutine e della celiachia!

L’informazione è la nostra arma più potente ed è fondamentale far passaparola!

Ti potrebbero piacere anche

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terzi. Cliccando su accetto acconsenti all'utilizzo dei cookie Accetto Privacy Policy

Privacy & Cookies Policy
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.