Home Dolci delle feste chiacchiere senza glutine

chiacchiere senza glutine

by Monica Bellin
un vassoio di chiacchiere viste dall'alto con due maschere a lato

Le chiacchiere senza glutine con farina di riso. A Carnevale non possono mancare questi tipici dolcetti fritti, che hanno nomi differenti in base alla regione d’Italia: si chiamano anche cenci, frappe, galani, bugie…nel mio paese li chiamiamo “crostoli”.

La preparazione in versione senza glutine è semplice, anche con farine in purezza senza mix o addensanti. Questa chiacchiere sono realizzate con semplice farina di riso di Mulino Marello, finissima e macinata a pietra, abbinata con fecola di patate.

Come da tradizione profumano di grappa e limone.

Non ci resta che provare a farle!

Seguitemi nella pagina Instagram dove potete trovare anche il video della ricetta e di tutte le altre!

E se vi piacciono i dolci fritti, provate le frillette con farina di riso 

oppure le frittelle con ricotta

un vassoio di chiacchiere viste dall'alto con due maschere a lato

chiacchiere senza glutine

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 2 voted )

Ingredienti

  • 2 uova
  • 30 g zucchero
  • 20 g grappa
  • 20 g olio di semi di girasole
  • 200 g farina di riso
  • 50 g fecola di patate
  • 1 limone scorza grattugiata
  • 1 cucchiaino abbondante di lievito per dolci
  • olio di semi per friggere

Procedimento

In una terrina lavorate con una forchetta le uova e lo zucchero semolato. Unite l’olio, la grappa, la scorza di limone grattugiata e infine le polveri. Unite un po’ per volta la farina di riso con la fecola e il lievito impastando per amalgamare il composto e realizzare un panetto ben elastico e liscio. Avvolgete il panetto nella pellicola trasparente. Prendete metà dell’impasto, mettetelo sul foglio di carta forno spolverato di farina di riso e con un mattarello, stendetelo fino a ottenere una sfoglia molto sottile. Ritagliate dei rettangoli con una rotella dentellata, fate un’incisione centrale su ogni rettangolo e, con le dita, separate leggermente le parti ritagliate. Nello stesso modo lavorate il restante impasto, avendo cura di tenere la pasta sempre ben coperta durante la formazione delle chiacchiere. Riscaldate l’olio per frittura in una padella dai bordi alti e, quando l’olio è caldo, friggete le chiacchiere poche per volta.  Per capire se l’olio è alla temperatura giusta, basta fare la prova stecchino. Immergete uno stecchino di legno nell’olio e quando iniziano a formarsi delle bollicine intorno, significa che l’olio ha raggiunto la temperatura perfetta, circa 170°. Per ottenere delle chiacchiere croccanti e perfette basterà friggerle poche alla volta, per non far abbassare la temperatura dell’olio. Una volta cotte, mettete le chiacchiere su carta assorbente, lasciatele intiepidire e spolveratele con lo zucchero a velo.

In alternativa potete far cuocere le chiacchiere nel forno in una teglia foderata da carta forno a 180 gradi per 15 minuti, fino a doratura. Bella l'idea anche ti tagliare le chiacchiere con una forma diversa, ad esempio a cuore, come faccio vedere in un video reel nella pagina Instagram.

Una volta cotte le chiacchiere, scolatele e posatele su carta assorbente, lasciate intiepidire e decorate con lo zucchero a velo.

un vassoio di chiacchiere viste dall'alto con due maschere a lato

chiacchiere senza glutine

Stampa
Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Informazioni nutrizionali 200 Calorie 20 grams fat
Rating: 5.0/5
( 2 voted )

Ingredienti

  • 2 uova
  • 30 g zucchero
  • 20 g grappa
  • 20 g olio di semi di girasole
  • 200 g farina di riso
  • 50 g fecola di patate
  • 1 limone scorza grattugiata
  • 1 cucchiaino abbondante di lievito per dolci
  • olio di semi per friggere

Procedimento

In una terrina lavorate con una forchetta le uova e lo zucchero semolato. Unite l’olio, la grappa, la scorza di limone grattugiata e infine le polveri. Unite un po’ per volta la farina di riso con la fecola e il lievito impastando per amalgamare il composto e realizzare un panetto ben elastico e liscio. Avvolgete il panetto nella pellicola trasparente. Prendete metà dell’impasto, mettetelo sul foglio di carta forno spolverato di farina di riso e con un mattarello, stendetelo fino a ottenere una sfoglia molto sottile. Ritagliate dei rettangoli con una rotella dentellata, fate un’incisione centrale su ogni rettangolo e, con le dita, separate leggermente le parti ritagliate. Nello stesso modo lavorate il restante impasto, avendo cura di tenere la pasta sempre ben coperta durante la formazione delle chiacchiere. Riscaldate l’olio per frittura in una padella dai bordi alti e, quando l’olio è caldo, friggete le chiacchiere poche per volta.  Per capire se l’olio è alla temperatura giusta, basta fare la prova stecchino. Immergete uno stecchino di legno nell’olio e quando iniziano a formarsi delle bollicine intorno, significa che l’olio ha raggiunto la temperatura perfetta, circa 170°. Per ottenere delle chiacchiere croccanti e perfette basterà friggerle poche alla volta, per non far abbassare la temperatura dell’olio. Una volta cotte, mettete le chiacchiere su carta assorbente, lasciatele intiepidire e spolveratele con lo zucchero a velo.

In alternativa potete far cuocere le chiacchiere nel forno in una teglia foderata da carta forno a 180 gradi per 15 minuti, fino a doratura. Bella l'idea anche ti tagliare le chiacchiere con una forma diversa, ad esempio a cuore, come faccio vedere in un video reel nella pagina Instagram.

Una volta cotte le chiacchiere, scolatele e posatele su carta assorbente, lasciate intiepidire e decorate con lo zucchero a velo.

You may also like

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terzi. Cliccando su accetto acconsenti all'utilizzo dei cookie Accetto Privacy Policy

Privacy & Cookies Policy
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.